CORONAVIRUS – Cosmetica Italia: no a una nuova chiusura di saloni di acconciatura e centri estetici

L'imprenditore cremasco, anche presidente di Cosmetica Italia

“Apprendiamo da fonti stampa l’ipotesi di una nuova chiusura di saloni di acconciatura e centri estetici. È una valutazione errata che non tiene conto di una serie di indicatori che testimoniano le condizioni di sicurezza in cui operano queste realtà”. Questa la posizione di Renato Ancorotti, presidente di Cosmetica Italia, l’associazione di categoria che rappresenta circa 600 imprese cosmetiche dell’intero territorio nazionale, a commento di alcune notizie che anticipano le valutazioni del Governo per una ulteriore stretta su attività ed esercizi a maggior rischio assembramento, tra cui vengono citati i saloni di bellezza. “Occorre innanzitutto ricordare – continua Ancorotti – che saloni di acconciatura e centri estetici non presentano rischi di assembramento grazie al contingentamento degli ingressi. Queste attività, che faticosamente sono ripartite lo scorso 18 maggio, hanno inoltre ampiamente dimostrato l’efficacia dei protocolli e delle misure igienico-sanitarie anti-contagio a completamento di altrettanto rigorose norme già abitualmente applicate a tutela della salute e della sicurezza di operatori e di clienti”.

Un nuovo lockdown comporterebbe un inevitabile e ulteriore danno economico per questo canale: tra i rischi la cessazione definitiva di oltre un terzo delle attività, fino a 50.000 negozi, con la probabile ricaduta occupazionale per più di 100.000 addetti, e un’impennata del lavoro nero a domicilio che, essendo svolto senza controlli né misure di sicurezza, incrementerebbe in modo esponenziale il pericolo di contagio che le restrizioni vorrebbero evitare”. L’attività di acconciatori e centri estetici genera un volume di affari che supera i 6 miliardi di euro e impiega oltre 263.000 addetti (seconda categoria artigianale del nostro Paese secondo i dati di Unioncamere) in 130.000 saloni. Il 90% delle 130.000 imprese è costituito da unità con 2 persone occupate in media, capaci di generare fatturati e margini appena sufficienti a garantire la gestione giornaliera dell’esercizio.

L’importanza della riapertura delle attività dopo il lockdown era già stata portata all’attenzione delle istituzioni da parte di Cosmetica Italia per le ricadute occupazionali, legate alla natura frammentata di un canale costituito in gran parte da piccole imprese. “Oggi ribadiamo la nostra posizione – chiude Ancorotti – e ci rivogliamo al governo affinché si eviti una nuova chiusura di saloni di acconciatura e centri estetici. Siamo preoccupati per una decisione che avrà impatti economici, sociali e occupazionali sia sul canale distributivo sia sulla filiera produttiva”.