I MONDI DI CARTA – Letteratura e solidarietà

L’importante è non lasciarsi schiacciare dalla paura, quella che non lascia spazio alla ragione”. Con queste parole la scrittrice italo-americana Ben Pastor, ospite della manifestazione I Mondi di Carta lunedì 5 ottobre al teatro San Domenico, ha salutato il pubblico cremasco dopo una piacevolissima chiacchierata con Paolo Gualandris. La scrittrice e presidente di giuria del Concorso di Scrittura, organizzato durante il passato anno scolastico dal Franco Agostino Teatro Festival, dal Caffè Letterario e dal Comitato Soci Coop di Crema, ha omaggiato una dei vincitori dello stesso Concorso, la giovanissima e talentuosa Silvia Cimato e ha definito il suo racconto Una mela perfetta “un invito alla sensibilità e alla solidarietà, senza fronzoli e con originalità e freschezza”.

Nel corso della serata, Ben Pastor si è raccontata a tutto tondo: parlando della sua passione per le uniformi, della scelta di scrivere in lingua inglese, grazie alla molteplicità di sfumature che questa lingua è in grado di offrire e grazie alla capacità e sensibilità del suo traduttore, dalla sua passione per la storia e per l’archeologia, fino alle sfide da affrontare proprio attraverso la scrittura, in un periodo in cui nulla sarà più come prima, ma in cui di fatto tutto tornerà ad essere se stesso. Un incontro affascinante durante il quale il libro “La grande caccia” è stato il pretesto per raccontare di sé, perché i libri restano, ma gli autori sono davanti a noi solo in rare e preziose occasioni. E la serata di lunedì è stata davvero preziosa.

Così come rara è stata l’opportunità degli intervenuti alla cena di gala di mercoledì 7 ottobre presso la trattoria Via Vai di incontrare il Console Cubano Llanio González, di intrattenersi piacevolmente con lui e di assaporare atmosfere tipiche di quelle località così lontane ma che abbiamo sentito così vicine a noi negli scorsi mesi. Un menù singolare pensato per l’occasione dello chef Stefano Fagioli, socio de I Mondi di Carta, e dai suoi collaboratori per rendere omaggio a Cuba e ai suoi medici. Alla serata hanno preso parte, oltre al Console, anche l’Assessore alla Cultura Emanuela Nichetti, la Presidente della Fondazione Benefattori Cremaschi Bianca Baruelli, a cui sarà devoluto il ricavato della cena, e il fotografo Marcello Ginelli che ha allestito una mostra fotografica proprio su Cuba, in esposizione fino al 18 ottobre presso i locali della Fondazione San Domenico. L’ufficialità di una cena istituzionale si è sciolta in una gradevolissima chiacchierata in spagnolo e in italiano, all’insegna davvero di un sentimento di amicizia che resterà indelebile.