Pianengo – Ecco la sagra dei ‘murselì’

La celebrazione d'apertura dell'Anno Catechistico a Pianengo

La prima domenica di ottobre sul taccuino dei ‘murselì’ è segnata in rosso perché data importante, un giorno da vivere all’insegna della spensieratezza, in compagnia, senza scordare i momenti religiosi: si onora la patrona Santa Maria in Silvis. È sagra domani a Pianengo e anche se il periodo è di quelli difficili, non mancano le iniziative tendenti al pieno coinvolgimento, grazie a parrocchia, amministrazione comunale, USD (Unione Sportiva Diettantistica) Pianenghese e altre realtà del paese.
Il via verrà dato nel pomeriggio, presso l’anfiteatro dell’oratorio, col saggio dei ragazzi di musica che frequentano l’Ama (Associazione musica artistica) locale. Alle ore 18.30 celebrazione della Messa prefestiva e in serata è in programma la presentazione, sempre nella zona anfiteatro, delle diverse squadre delle associazioni sportive del paese. Domani si inizia alle 9 con la vendita delle torte a cura della Pianenghese, che sarà in campo sia oggi che domani col servizio bar e ristorante, in via Papa Giovanni XXIII. Alle 9.30 santa Messa per adulti e anziani presieduta dal parroco di Trescore Cremasco don Francesco Gipponi, già curato di Pianengo per oltre 20 anni, e alle 11 celebrazione eucaristica per bambini, ragazzi e famiglie cui seguirà la processione per le vie del paese. Nel pomeriggio, con inizio alle 15.30, entusiasmeranno il pubblico gli atleti iscritti alle scuole di ginnastica ritmica e di karate con le loro esibizioni e alle 17, come già riportato su queste colonne sabato scorso, si rinnoverà la cerimonia di consegna delle borse di studio intitolate anche quest’anno al noto pittore Federico Boriani, organizzata dall’amministrazione comunale.
Domenica scorsa, nel contesto della Messa celebrata all’oratorio, è stato inaugurato l’anno catechistico. In questo mese di ottobre la comunità parrocchiale di Pianengo sarà in festa per le sante prime Comunioni, in programma domenica 11 e per le Sante Cresime del 25 prossimo.

Leggi l’articolo in versione integrale su Il Nuovo Torrazzo in edicola