FINALPIA – Replica di Bonaldi: “Non sono silente, propongo da un anno alla politica di discutere del suo futuro”

“Leggo di un intervento delle minoranze che mi accuserebbero di essere ‘silente’ sul caso Finalpia. In riferimento, immagino, alla vicenda giudiziaria legata alla Confort Hotel, società che ha avuto, ora non più, in locazione l’Hotel del Golfo a Finale Ligure, che tutti noi meglio conosciamo appunto come la ex colonia climatica di Finalpia, da anni trasformata in struttura ricettiva”, esordisce Stefania Bonaldi nella replica sul tema al centrodestra. 

“Intanto vediamo di fugare qualsivoglia equivoco”, afferma sulle recenti indagini: “La Fondazione Opera Pia Marina e Climatica Cremasca Onlus, con sede in Crema, Ente autonomo di cui il sindaco di Crema nomina il CdA, è proprietaria del complesso alberghiero in discussione e tale è sempre rimasta. L’ordinanza del tribunale che ha estromesso questa società, va ricordato, è frutto di un’istanza della stessa Fondazione Opera Pia e Climatica, che oltre un anno fa ha ottenuto il pieno possesso dell’immobile, perciò molto prima che fossero note queste inchieste della magistratura. Non c’è alcuna responsabilità da ascrivere al CdA, pertanto non capisco come si possano muovere accuse, più o meno velate, nei suoi confronti: si è mosso in modo egregio”. “Eliminata questa impropria correlazione, dico invece ai consiglieri comunali che mi rinfacciano il silenzio di avere la memoria molto corta: hanno rimosso che già il 19 settembre 2019 fu fatta una Commissione di garanzia nella quale il presidente Soffientini e io avevamo sottoposto ai consiglieri, anche e soprattutto nella loro veste di esponenti di forze politiche,  di aprire un dibattito pubblico sul futuro di Finalpia; in quella occasione rispose pubblicamente soltanto il consigliere Draghetti del M5S, il resto della politica, mi spiace constatarlo, non emise un suono”. 

Bonaldi si dice, in conclusione, “disponibile a ogni confronto e lo sono da un anno a questa parte, con buona pace di chi ha rimosso alcuni appuntamenti ufficiali che proprio io ho voluto creare nelle sedi istituzionali al fine di sollecitare un dibattito pubblico”.

Articolo completo sul giornale di sabato in edicola.