CASALE CREMASCO – L’Estate in riva al Serio non si ferma: sabato la mezzosoprano Filipponi

Andrea Benelli smentisce il detto “nemo propheta in patria” e sabato scorso in piazza del Comune ad ascoltare il suo concerto c’era tanta gente. Un tutto esaurito con spettatori in piedi che hanno applaudito con convinzione l’esibizione del pianista e compositore: al termine si sono fermati a commentare in modo assai positivo la serata. Presentato da Giovanna Caravaggio, il programma prevedeva l’esecuzione di dieci brani dello stesso Benelli che poi ne ha aggiunti altri per il bis richiesto dal pubblico.

Diplomato al conservatorio di Milano in organo, pianoforte e clavicembalo con il massimo dei voti, dal 2006 al 2013 ha suonato con l’Orchestra del Teatro alla Scala e con la Filarmonica e i Cameristi del Teatro alla Scala. Nelle esecuzioni, oltre a una notevole tecnica, Benelli ha messo molta energia e ha colpito il pubblico già dal brano iniziale Suddenley. L’energia non ha avuto momenti di pausa anche nei brani meno vigorosi e ha raggiunto la sua massima espressione nell’ultimo pezzo, Usque ad Finem. Nel bis ha omaggiato Casale con il pezzo Cuore di madre dedicato alla Madonna della Crocetta.

La serata ha confermato il successo della rassegna “Estate in riva al Serio”, organizzata con la collaborazione di Francesco Rossetti e il contributo dell’Associazione Popolare Crema per il Territorio. Sabato prossimo 22 agosto, alle 21.30, la rassegna proseguirà con il mezzosoprano Eleonora Filipponi.