Sergnano: il punto sulle opere pubbliche a un anno dalla tromba d’aria

I lavori alle Scuole Medie

Il 7 agosto 2019 una devastante tempesta si è abbattuta su Sergnano, causando un vero e proprio disastro in tutto il paese. Danni ingenti si sono registrati al patrimonio pubblico, in tante abitazioni private e nei confronti di numerose imprese agricole, commerciali ed industriali. La stima di questi danni ammontava a oltre 5 milioni di euro per il patrimonio privato (abitazioni, imprese, campi agricoli) e circa 300.000 euro per il patrimonio comunale. Gli edifici pubblici più colpiti sono stati le scuole medie, il cimitero, il municipio, il centro sportivo, il Parco Tarenzi e il parchetto di Via Aldo Moro. L’amministrazione comunale guidata da Angelo Scarpelli, allora appena eletto sindaco, ha dovuto quindi programmare la ricostruzione, a seconda delle urgenze e delle priorità.

Per quanto riguarda il tetto delle scuole medie già lo scorso anno, subito dopo l’evento calamitoso, l’edificio era stato messo in sicurezza (a tempo record) per garantire il regolare avvio dell’anno scolastico. Poi, in accordo con la dirigenza scolastica, si è deciso di concludere i lavori alla fine del periodo scolastico, giugno 2020. Il progetto iniziale, causa le nuove normative per la sicurezza dovute all’emergenza sanitaria da Coronavirus, ha dovuto subire delle modifiche che hanno fatto leggermente allungare i tempi di inizio lavori. Ora il cantiere per i lavori definitivi è in pieno svolgimento e le tempistiche saranno tali da permettere l’apertura in sicurezza della scuola entro settembre. I danni al centro sportivo comunale, al cimitero e al municipio sono stati quasi tutti riparati: le recinzioni perimetrali del campo da calcio e le panchine abbattute dalla furia del vento erano già state sistemate lo scorso autunno per permettere il regolare avvio dell’attività agonistica. Per quanto riguarda cimitero e palazzo comunale i lavori sono ultimati e si sono svolti rapidamente nel corso di quest’anno, con l’area cimiteriale riparata già al termine della scorsa estate.

Per quanto riguarda il recupero delle aree verdi comunali, si è dovuto aspettare l’indennizzo della compagnia assicurativa al Comune di Sergnano, in quanto il finanziamento dei lavori era subordinato a questa copertura economica. A fine maggio, terminato il periodo di blocco forzato dei cantieri per il lockdown, l’amministrazione comunale ha potuto appaltare i lavori per la riqualificazione complessiva di Parco Tarenzi, parchetto di Via Aldo Moro e area verde del campo sportivo comunale, secondo un progetto pluriennale (che prevederà anche la ripiantumazione) presentato dal dott. agronomo Alessandro Moro. Per le prime due opere siamo veramente alle fasi finali: l’auspicio è quello di poter riaprire i parchi pubblici entro la fine del mese di agosto. Nonostante l’impegno prioritario per le opere di ricostruzione dalla tromba d’aria dello scorso agosto, si sono effettuati una serie di altre opere pubbliche necessarie per il paese: completamento dell’ultima parte della pista ciclabile per Crema (in attesa di essere ultimata da oltre 20 anni), rifacimento delle barriere di protezione di Trezzolasco e lungo la strada provinciale a Sergnano, posa della fibra per la banda ultra-larga, sostituzione di tutta l’illuminazione pubblica del paese con lampade a led, collaudo e apertura della casa dell’acqua, asfaltature della strada per le cascine Cascinazze, marciapiede di Via S. Antonio, Via Alchina e Piazzale De Gasperi.

Una volta conclusi gli ultimi cantieri, l’attenzione dell’amministrazione comunale si concentrerà verso un programma di miglioramento del decoro urbano in tutto il paese. Sono già previsti interventi per le seguenti opere: ripristino della cartellonistica stradale danneggiata o degradata, acquisto di nuovi giochi per bambini nelle aree verdi pubbliche,  riqualificazione della Roggia Molinara a protezione della pista ciclabile, messa in sicurezza dell’impianto di illuminazione del campo da calcio per l’allenamento, nuova recinzione tra le scuole elementari e Villa Corini, ripavimentazione dell’area esterna dell’asilo nido e altri interventi di asfaltatura e sicurezza stradale. In quest’anno la nostra comunità è stata colpita duramente prima dalla calamità naturale e poi dall’epidemia Covid-19: è stato un anno difficile ma, con il grande impegno degli amministratori pubblici e di tutti i cittadini, Sergnano ha potuto rialzarsi con forza.