Con il FAI, una serata d’estate a Palazzo Zurla De Poli

A cinque mesi dall’ultimo evento, dedicato alla chiesa della Santissima Trinità di Crema, la Delegazione FAI di Crema riprende le sue attività. In questi mesi tante cose sono cambiate e ora i volontari FAI cremaschi si sono organizzati e sono felici di tornare a offrire un’esperienza di visita ricca, serena e in sicurezza, grazie alla rinnovata ospitalità della famiglia De Poli e con la collaborazione di tutti i visitatori, ai quali viene chiesto di rispettare alcune semplici regole.
Questa sera è in corso la visita al giardino e alle sale dello splendido palazzo Zurla De Poli dalle ore 18.00 alle 22.45, godendo di un’atmosfera speciale e aggiungendo al percorso di visita un passaggio e una sosta all’aperto, nel verde. 

Il Palazzo è stato edificato nel 1520. Dal cortile, un breve scalone conduce al salone d’onore, ricco di affreschi raffiguranti i momenti salienti della storia di Amore e Psiche, attribuiti a Giovanni Battista Castello, detto il Bergamasco. Negli affreschi delle tre sale minori, decorate con cicli pittorici dei maggiori artisti lombardi del tempo – tra i quali la “Parabola del Figliol Prodigo” di Aurelio Buso – ricorre il tema del peccato umano e del perdono di Dio. 

Le visite, della durata complessiva di circa un’ora ciascuna, sono in corso dalle ore 18:00 alle ore 22:45.