Disastro ferroviario di Pioltello – La Procura di Milano chiede il processo per 10 persone

Treno Nord
Foto Comitato Pendolari Cremaschi (Pioltello, foto di repertorio)

Sono 10 le persone per le quali la Procura di Milano ha chiesto il processo in relazione al disastro ferroviario di Pioltello, il deragliamento del treno che il 25 gennaio del 2018 causò la morte di tre donne e il ferimento, anche grave, di altre 50 persone. La Procura meneghina ha indagato manager, dipendenti e tecnici di rete Ferroviaria Italiana (Rfi) in quanto, stando a quanto ricostruito anche attraverso perizie tecniche e testimonianze, il deragliamento del treno Cremona-Milano avvenne per il cedimento/distacco di un giunto di una rotaia lungo poco più di una spanna; problema che sarebbe stato noto da tempo, perché segnalato da un operaio, ma verosimilmente mai affrontato; o meglio, venne messa una tavoletta di legno per sostenere il giunto con soluzione tampone in vista dell’intervento che sarebbe stato programmato per la primavera 2018. Le accuse, per le dieci persone per le quali è stato chiesto l’avvio del procedimento, sono, a diverso titolo, di disastro ferroviario colposo, omicidio colposo plurimo e lesioni colpose.