CONSIGLIO COMUNALE – Sostegno al “sistema città”: sì unanime sui 2.117.000 euro per famiglie e imprese

Il Consiglio comunale – dopo un percorso molto concreto e condiviso da tutte le forze politiche cittadine sedute in Sala degli Ostaggi – ha poco fa approvato all’unanimità il sostegno al “sistema città” pari a 2.117.000 euro. Quattro i macro temi cui si riferiscono i diversi “pacchetti” di contributi e sostegni: “imprese”, “imprese e famiglie”, “famiglie” (centri estivi) e “sport” (100.000 euro).

È stato anche previsto un fondo a favore di micro imprese e studi professionali per supportare occupazione e conciliazione, per ben 532.813,87 euro. “Criteri questi, di cui ci occuperemo da settembre, lavorando anche con le forze economiche del territorio. La manovra, infatti, cerca di guardare anche al medio termine, quando a livello statale non ci si potrà più permettere di stanziare enormi fondi per la cassa integrazione, quando a livello nazionale, regionale e territoriale, si dovranno individuare azioni per superare la crisi”, ha chiarito l’assessore al Bilancio Cinzia Fontana. Poco prima della sua relazione il leghista Andrea Agazzi aveva polemizzato per l’ennesima convocazione dell’assise in videoconferenza. “Il buonsenso vorrebbe di tornare in presenza, ma anche un principio democratico, perché le opposizioni sono penalizzate in questa tipologia di riunione”, ha detto. “Sarà mio impegno verificare le condizioni per organizzarci e riprendere in settembre il Consiglio in presenza”, ha replicato il presidente Gianluca Giossi.

Spazio di seguito alla Fontana. “Arriviamo, al termine di un percorso condiviso in questi lunghi e faticosi cinque mesi, a questo sostegno concreto alla città, così scossa dall’emergenza sanitaria”. Una manovra costruita grazie a una fattiva collaborazione tra maggioranza e minoranze “pur con le legittime differenze che ci contraddistinguono, ma mantenendo sempre l’obiettivo del bene della città”. In sede di voto, dopo il grazie di tutti i consiglieri e alcune specifiche sottolineate dalle minoranze, è giunta l’unanimità.

Articolo completo sul giornale di sabato in edicola.