Cremona – Indagine sull’associazione ‘Uniti per la provincia di Cremona’

Se le accuse dovessero essere confermate sarebbe un vero schiaffo alla solidarietà di centinaia di persone, di aziende e media, che nel pieno della sofferenza e del dramma disseminati dalla pandemia da Coronavirus hanno donato per fare in modo che l’associazione ‘Uniti per la provincia di Cremona’ potesse garantire aiuti alle strutture ospedaliere, e non solo, impegnate nella difficile lotta contro il Covid. Una battaglia contro un nemico invisibile ingaggiata mentre qualcuno all’interno della onlus avrebbe cercato, secondo la procura di Cremona e la Finanza riuscendovi, di distrarre fondi per finalità personali. 100mila euro che sarebbero finiti nelle tasche di pochi in una dinamica che prefigurerebbe il reato di truffa e di associazione finalizzata a tale scopo oltre che all’autoriciclaggio e all’appropriazione indebita di fondi della onlus. Quattro le persone finite sotto indagine tra le quali un religioso e un cremasco.

Seguono aggiornamenti