Romanengo – Paese in lutto per la morte di Serena Salvi

Si svolgeranno domani, sabato 18 luglio, alle ore 10 al campo sportivo di Romanengo, per favorire la più ampia partecipazione della comunità, i funerali di Serena Salvi, 22enne impiegata deceduta mercoledì presso l’ospedale di Cremona dove era entrata nei giorni scorsi per essere sottoposta a una operazione alla testa per rimuovere una massa tumorale. Purtroppo a causa di complicazioni a seguito dell’intervento la giovane, figlia del capogruppo di maggioranza consiliare Raffaele Salvi e delle dipendente comunale Anna Vecchi, non ce l’ha fatta.

“La situazione si è sviluppata drammaticamente nelle ultime settimane – spiega il sindaco Attilio Polla, molto amico della famiglia –. In pieno periodo di pandemia, Serena aveva lamentato sintomi che in qualche modo potevano ricondurre al Coronavirus. Non si trattava però di quello. La scorsa settimana si è sottoposta a una visita e a una Tac in quanto da qualche giorno aveva perso l’udito da un orecchio. Immediato, venerdì, dopo l’esito della Tomografia, il ricovero d’urgenza all’ospedale di Cremona: l’esame aveva evidenziato una massa tumorale alla testa. Lunedì l’intervento che, a detta del chirurgo, era andato bene. Martedì però le complicazioni con un’emorragia che ha richiesto una successiva operazione e poi, nella tarda serata di martedì, una terza. Purtroppo mercoledì pomeriggio è stata dichiarata la morte cerebrale”.

La notizia, che ha distrutto la famiglia Salvi, ha scosso Romanengo, comunità piccola e unita in cui tutti si conoscono e in cui tutti hanno voluto mostrare affetto e vicinanza ai genitori di Serena. Un paese, rimasto impietrito davanti alla tragedia, che questa mattina si riunirà al campo sportivo per l’ultimo saluto a quel sorriso che è salito troppo presto nel cielo per illuminarlo.