Cremosano – Lo stendardo del Picenardi torna a casa

Lo stendardo del Picenardi prima e dopo il restauro

Dopo un’attenta opera di restauro realizzata dall’Accademia di Belle Arti Santa Giulia di Brescia, il settecentesco stendardo processionale del maestro Mauro Picenardi e il secentesco stendardo raffigurante San Carlo Borromeo e angeli, sono stati riconsegnati ai rispettivi custodi proprietari: la parrocchia di Santa Maria Maddalena di Cremosano e la Fondazione Casa di Dio Onlus di Brescia. La cerimonia di consegna s’è tenuta lo scorso 15 luglio presso la Fondazione Casa di Dio Onlus di Brescia dove è intervenuto anche il parroco don Achille Viviani. In questa sede ci interesseremo solo della preziosa opera cremasca.
Frutto di un accordo fra l’Accademia Santa Giulia e la Parrocchia di Cremosano, l’importante restauro è stato realizzato ottemperando a tutte le indicazioni espresse dalle rispettive Soprintendenze di Mantova e di Brescia. Gli interventi di conservazione e integrazione pittorica sono stati portati a compimento dalla restauratrice Luisa Marchetti. Grazie alla fattiva collaborazione tra Soprintendenze, proprietari custodi e Gruppo Foppa, lo stendardo cremosanese fu affidato per un progetto conservativo alla Scuola di restauro dell’Accademia Santa Giulia, che da sempre sostiene il recupero, la conservazione e la valorizzazione delle opere d’arte appartenenti a musei pubblici, privati o ecclesiastici, siti archeologici e chiese, rispondendo attivamente alle esigenze del territorio. Il lavoro, avviato con la Scuola di Restauro, in tempi più recenti è stato portato a compimento, con la delicata integrazione pittorica, dalla citata prof.ssa Marchetti.

Leggi l’articolo in versione integrale su Il Nuovo Torrazzo di sabato 18 luglio 2020