CREMA – Sabato 27 riprende la cultura dal vivo, a CremArena interverrà lo scrittore Van Straten

Dopo tanti mesi di proposte culturali online (che comunque proseguono come ulteriorie arricchimento, cfr articolo a destra) è incredibilmente emozionante annunciare un evento dal vivo, il primo di una lunga serie. Come ‘promesso’ dal Patto per la lettura della città di Crema, firmato martedì 16 giugno dal sindaco stefania Bonaldi e dai rappresentanti di 3 librerie della città e di una casa editrice, l’incipit di questa ripresa è affidata al libro, che tanta compagnia ci ha fatto durante questi mesi di lockdown, e che si merita il podio della ripartenza! Domani, sabato 27 alle ore 21 in CremArena inizia dunque la stagione culturale cremasca organizzata e promossa dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Crema. L’Assessore alla Cultura del Comune di Crema, Emanuela Nichetti, dichiara: “Questo momento è molto importante per la città per diverse ragioni. È il primo evento culturale organizzato in presenza dal 21 febbraio scorso, dopo l’interruzione forzata dovuta all’emergenza sanitaria, ed è anche la prima iniziativa promossa dal neonato Patto per la Lettura della Città di Crema. Sancisce inoltre il tanto atteso ritorno alla agognata “normalità”, consentendo la partecipazione di persona ad un evento che è il primo di una lunga serie che allieterà l’estate cremasca. Per la vita culturale di Crema significa riattivare avvenimenti sociali nei quali la comunità si ritrova e ricreare gli stretti legami tra cultura e comunità stessa, che tanto ci sono mancati in questo periodo”.

Il calendario culturale estivo, nonostante le misure restrittive, è comunque ricco e variegato (verrà presentato per intero la prossima settimana) e l’apertura è affidata allo scrittore Giorgio Van Straten e alla presentazione del libro Il mio nome a memoria recentemente riedito da Francesco Brioschi Editore e già vincitore nel 2000 del Premio Viareggio e del Premio Procida – Isola di Arturo – Elsa Morante.