Madignano – Coronavirus e morti, il sindaco denuncia una residente per calunnia e diffamazione

Sentitasi diffamata e calunniata da una residente, il sindaco di Madignano, Elena Festari, in rappresentanza dell’Ente, ha deciso, con il placet della Giunta, di muovere un’azione nei confronti dei una madignanese che, come ha relazioneto il primo cittadino all’esecutivo, “in forma continuativa, ha  postato sul profilo ‘aperto’ di Facebook – quindi visibile a tutti- attacchi, accuse infondate, notizie false e calunniose aventi lo scopo di denigrare il sindaco e gli Amministratori. Poiché in Madignano vi sono state molte persone contagiate da Covid-19 e n. 8 di loro sono decedute a causa di questa forma morbosa, la signora il 17 marzo 2020 ha pubblicato il post ‘Comune di Madignano siete degli assassini’; più tardi, accortasi/avvisata sulla offensività del messaggio postato, la signora lo ha rimosso scrivendo però sulla bacheca: “Non me lo perdonerò mai di non aver denunciato gente senza morale” e “ho eliminato il post ma non elimino ciò che penso di voi, gente infame e senza scrupoli” e ancora “tanta gente che è morta o è in ospedale si poteva evitare” attribuendo con ciò la responsabilità delle morti e dei contagi al Comune, e cioè a comportamenti omissivi del sindaco e degli amministratori. Gli attacchi della signora sono proseguiti anche nei giorni scorsi, pur avendo per contenuto altre tematiche”.

Per queste ragioni la Giunta ha dato mandato all’avvocato Iacopo Micheli di presentare denuncia/querela nei confronti della madignanese rea, secondo quanto ricostruito dal primo cittadino, di calunnia e diffamazione nei confronti della persona e dell’Ente che rappresenta.