Castelleone – Atti persecutori e ubriachezza abituale, 47enne romeno in carcere

Atti persecutori e ubriachezza abituale hanno fatto finire dietro alle sbarre del carcere di Cremona un 47enne romeno domiciliato a Castelleone. Ieri pomeriggio, mercoledì 17 giugno, i Carabinieri della locale stazione hanno rintracciato N.N.R. e in esecuzione di un ordine di carcerazione emesso dall’Ufficio Esecuzioni Penali della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cremona, lo hanno trasferito a Cà del Ferro dove sconterà la pena di 2 anni e 6 mesi di reclusione, per i reati dei quali si era reso responsabile in Castelleone dal 2008 al 2016.

Nel corso del periodo indicato – spiegano dal Comando Provinciale dell’Arma di Cremona – l’arrestato, come già detto abitudinario al consumo di alcolici, per futili motivazioni ha ripetutamente minacciato verbalmente e insultato, arrivando anche ad aggressioni fisiche, un’intera famiglia, ex vicina di casa cagionando forti stati di agitazione e ansia, inducendo i componenti del nucleo familiare, a modificare il proprio stile di vita per paura di possibili ritorsioni e violenze”.

Lo straniero, terminate le formalità di rito è stato accompagnato in carcere dove sconterà il periodo di detenzione.