CREMA – Flash mob degli infermieri: “Prima eroi, ma ora non dimenticateci”

Un momento del flash mob di questa mattina

Flash mob, stamani, nel parcheggio dell’Ospedale Maggiore di Crema. In contemporanea con un’altra trentina di località italiane, più di 100 infermieri e infermiere – rispondendo all’invito del Movimento Nazionale Infermieri – si sono radunati per lanciare un appello: “Non fateci tornare nell’invisibilità”. Già, perché il tempo degli eroi – come spesso succede dopo l’emotività iniziale – rischia già di finire.

Tutti in t-shirt bianca, gli infermieri e le infermiere tenevano in mano un palloncino rosso e un cartello con la scritta “rispetto”. Lo chiedono a viva voce, anche a nome di altri colleghi, degli operatori sanitari, degli addetti alle pulizie… di tutte quelle persone – professionisti – che sono stati in prima linea nella battaglia contro il Coronavirus, contribuendo in modo determinante a salvare vite e ad alleviare paure e sofferenze. Un “rispetto” invocato anche per non dimenticare quei colleghi che si sono ammalati (alcuni stanno ancora lottando contro il Covid) e sono morti nell’edempimento del proprio lavoro in ospedale o nelle corsie delle varie strutture sanitarie.

“Quello che abbiamo fatto in questi mesi difficili – ha riferito Daniele Castellucchio a nome di tutti gli infermieri/e cremaschi – fa parte della nostra professione, che mettiamo in campo 365 giorni l’anno, spesso con turni impegnativi e, sempre, affrontando rischi di vario genere. Il nostro lavoro è sempre ‘in prima linea’. Con questo flash mob chiediamo agli enti governativi di non metterci nuovamente da parte, ma di riconoscere tutte quelle valorizzazioni che, ad esempio, ci sono a livello europeo. Non fateci tornare nell’invisibilità”.

Alla manifestazione, come segno di vicinanza – che si auspica si tramuti in iniziative concrete, e non solo in simpatici selfie del momento – erano presenti, tra gli altri, il sindaco di Crema Stefania Bonaldi, il consigliere regionale del PD Matteo Piloni e altri esponenti politici.

Il flash mob è terminato con il lancio dei palloncini rossi e un lungo applauso.