OGGI IL VESCOVO DANIELE ALLA SS. TRINITÀ

Oggi, solennità della SS. Trinità, il vescovo Daniele ha voluto celebrare la santa Messa domenicale nella parrocchia, appunto, della SS. Trinità. Un’Eucarestia trasmessa via streaming, sui canali YouTube della parrocchia e de Il Nuovo Torrazzo, e nella quale s’è pregato in modo particolare – come ha ricordato il parroco don Remo all’inizio della celebrazione, dopo aver salutato e ringraziato il Vescovo – per una giovane mamma che, dopo aver partorito due bellissimi gemellini, si è gravemente ammalata. In città è attiva un “cordata di preghiera” perché il Signore le conceda la guarigione.
Un grazie a don Remo da parte di mons. Gianotti: “È una grande gioia per me celebrare questa Eucarestia nella solennità della Ss. Trinità in questa chiesa a lei dedicata.” Concelebranti, oltre al parroco, don Ennio Raimondi e don Angelo Frassi.

Parlare della SS. Trinità non è facile, è il mistero e il segreto più grande di Dio, rivelatoci da Gesù. E il vescovo Daniele ha detto, nell’omelia, che in vari modi gli uomini hanno pensato Dio: ad esempio attribuendogli al massimo grado i valori e le potenzialità umane.  “Ma Dio – ha spiegato il Vescovo – non è una sorta di uomo infinito: c’è il rischio di fare un Dio ad immagine dell’uomo. C’è un’altra strada per capire chi è Dio: quello di guardare ciò che ha fatto in mezzo a noi, secondo quanto racconta la Bibbia. Dio si fa presente nella nostra storia e il culmine di questa presenza è il grande progetto d’amore del dono del suo Figlio e dello Spirito Santo. Dono che rende presente anche oggi l’amore di Dio in mezzo a noi.”

Ed ecco la conclusione: “Trinità – ha sintetizzato mons. Gianotti – significa dire che Dio ha camminato in mezzo a noi, il che si realizza nel dono del Figlio e dello Spirito. Un Dio che è eterno dono di Amore. Noi crediamo in un Dio in cui vi è comunione di amore che chiede di essere accolto da uomini e donne che hanno conosciuto questo amore è lo testimoniano concretamente nella loro vita. Una comunità d’amore che non si stanca di camminare con gli uomini.”

Continuando, la celebrazione nella splendida chiesa cittadina, presenti numerosi fedeli (quanto le misure sanitarie di oggi permettono), il Vescovo ha recitato il canone quarto (com’egli stesi ha spiegato) che presenta una sorta di sintesi dell’amore trinitario nei confronti dell’uomo.
Distribuzione della comunione con tutte le precauzioni previste e conclusione prima con don Remo che ha portato i saluti del nostro concittadino Franco Manenti vescovo di Senigallia, già parroco della SS. Trinità, e con il Vescovo che ha impartito la solenne benedizione.

Questo slideshow richiede JavaScript.