Castelleone – Riapertura piscina, tempi ancora lunghi

Castelleone

Avrebbe potuto riaprire lunedì ma, come altri centri natatori, non l’ha fatto. La piscina comunale di Castelleone è chiusa e resterà con gli accessi sbarrati quantomeno sino alla seconda metà del mese. La causa, come ovvio, il Covid, non tanto per il tema dei distanziamenti e dei protocolli da seguire, almeno allo stato dell’arte, quanto per il fermo ai cantieri che la pandemia ha imposto e che ha reso impossibile al Comune effettuare quegli interventi che erano stati preventivati, progettati e già definiti. Si tratta di sistemazione di impianto elettrico e lavori di muratura alle parti esterne e alle vasche.
“Purtroppo – spiega il vicesindaco Federico Marchesi – l’emergenza Coronavirus ha fermato tutto. L’amministrazione comunale sta lavorando alacremente da giorni al fine di effettuare le opere programmate presso il centro natatorio di via Castel Manzano. Le squadre di operai sono al lavoro. Ci vorrà tempo, però. Senz’altro il gestore, che a sua volta dovrà poi intervenire per tutti quei dettami legati ai protocolli d’accesso all’impianto e di utilizzo, non riuscirà ad aprire prima della metà del mese. Stiamo cercando di accelerare i tempi ma onestamente più di così, con il lockdown che abbiamo vissuto per contenere il diffondersi del contagio, non si può pensare di fare”.