Il presidente Mattarella: “Questa giornata sia emblema della nostra ripartenza”. Oggi sarà a Codogno

bandiera italiana

“Il 2 giugno si celebra l’anniversario della nascita della nostra Repubblica. Lo faremo in un’atmosfera in cui proviamo nello stesso tempo sentimenti di incertezza e motivi di speranza. Stretti tra il dolore per la tragedia che improvvisamente ci è toccato vivere e la volontà di un nuovo inizio. Di una stagione nuova, nella quale sia possibile uscire al più presto da questa sorta di incubo globale”.
Lo ha detto, ieri sera, il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, nel saluto che ha rivolto, dopo l’esecuzione dell’inno nazionale, all’inizio del Concerto dedicato alle vittime del Coronavirus, nel 74° anniversario della Festa nazionale della Repubblica. L’evento si è svolto nei Giardini del Quirinale.
“Tanti fra di noi avvertono il ricordo struggente delle persone scomparse a causa del virus: familiari, amici, colleghi. Sovente senza l’ultimo saluto. A tutte le vittime, a chi è morto solo, al ricordo dei tanti affetti spezzati è dedicato questo concerto”, ha precisato il capo dello Stato, per il quale “accanto al dolore per le perdite e per le sofferenze patite avvertiamo, giorno per giorno, una crescente volontà di ripresa e di rinascita, civile ed economica”.

Oggi, come ieri, il desiderio di una rinascita dell’Italia

Anche la nascita della Repubblica, nel 1946, segnava “un nuovo inizio – ha ricordato -. Superando divisioni che avevano lacerato il Paese, per fare della Repubblica la casa di tutti, sulla base dei valori di libertà, pace e democrazia”. Così “forze politiche, che erano divise, distanti e contrapposte su molti punti, trovavano il modo di collaborare nella redazione della nostra Costituzione, convergendo nella condivisione di valori e principi su cui fondare la nostra democrazia”. E “quello spirito costituente rappresentò il principale motore della rinascita dell’Italia. Seppe unire gli italiani, al di là delle appartenenze, nella convinzione che soltanto insieme si sarebbe potuta affrontare la condizione di estrema difficoltà nella quale il Paese era precipitato”.
Per Mattarella “questa sostanziale unità morale è stata il vero cemento che ha fatto nascere e ha tenuto insieme la Repubblica. È quel che ci fa riconoscere, ancora oggi, legati da un comune destino”. Allora “si reagiva ai lutti, alle sofferenze e alle distruzioni della guerra”, mentre “oggi dobbiamo contrastare un nemico invisibile, per molti aspetti sconosciuto, imprevedibile, che ha sconvolto le nostre esistenze e abitudini consolidate. Ha costretto a interrompere relazioni sociali, a chiudere le scuole. Ha messo a rischio tanti progetti di vita e di lavoro. Ha posto a durissima prova la struttura produttiva del nostro Paese”. Di qui l’invito: “Possiamo assumere questa giornata come emblematica per l’inizio della nostra ripartenza“.

Visita a Codogno: “Sono fiero del mio Paese”

Oggi, come ha rammentato il presidente della Repubblica, si recherà a Codogno, “luogo simbolo dell’inizio di questo drammatico periodo, per rendere omaggio a tutte le vittime e per attestare il coraggio di tutte le italiane e tutti gli italiani, che hanno affrontato in prima linea, spesso in condizioni estreme, con coraggio e abnegazione, la lotta contro il Coronavirus”.
Dopo aver ringraziato “tutti e ciascuno”, Mattarella ha concluso: “L’Italia – in questa emergenza – ha mostrato il suo volto migliore. Sono fiero del mio Paese”.