Pandino – Vandali danneggiano il frutteto della Casearia

Un albero da frutto della Casearia danneggiato dai vandali

Atti vandalici al piccolo frutteto didattico della Scuola Casearia, realtà facente parte dell’Istituto ‘Stanga’ di Cremona, per il forte rammarico del professor Davide De Carli, che ha fotografato coi suoi “il disastro. Abbiamo verificato quanto accaduto lunedì mattina, alla ripresa dell’attività produttiva nel nostro caseificio, legata alla trasformazione del latte dei nostri piccoli agricoltori. Il frutteto è annesso all’area posteriore all’edificio di via Bovis e l’accesso è consentito solo passando dall’edificio scolastico”.

È stata scavalcata la recinzione? Desolante lo spettacolo che l’insegnante s’è trovato difronte. “Tutte le piante tagliate, rovinate, i kiwi a 30 centimetri da terra, il ciliegio stracarico di frutti ridotto ad una matita”. Il direttore della Casearia, il professor Andrea Alquanti ha formalizzato la denuncia ai Carabinieri. Avvisate dell’’accaduto anche le autorità comunali. Grazie ai filmati della telecamera di sorveglianza si arriverà ad individuare i vandali?

L’idea del piccolo frutteto didattico cominciò a camminare 10 anni fa grazie ad alcuni docenti e studenti del vecchio corso di Istruzione e Formazione Professionale di questa scuola pandinese e consentì di sperimentare le tecniche di potatura e di veder crescere e maturare i frutti. “La delusione è proprio tanta, una potatura selvaggia”, insiste De Carli. L’attività didattica ‘normale’ come si sa, è sospesa da oltre tre mesi e solo in alcuni giorni della settimana il caseificio è in funzione per la trasformazione del latte, con l’accesso consentito al personale. “Il piccolo frutteto rientra pienamente tra le attività didattiche offerte ai nostri alunni per la parte pratica, relativa agli approfondimenti sulle fioriture. La nostra realtà ha ottenuto un finanziamento regionale partecipando ad un apposito bando”. Ci sarebbe l’intenzione di acquistare una serra.