FASE 2 – Riaprono i parchi cittadini, ecco quali e le modalità di fruizione

Nuova fase per i parchi della città, che da oggi riaprono quasi tutti e osserveranno lo stesso orario: dalle 10 alle 20. Alla luce del Dpcm del 17 maggio, che dispone in merito alla riapertura regolamentata di parchi e giardini pubblici, è stata firmata oggi dal sindaco, Stefania Bonaldi, un’ordinanza che stabilisce le nuove regole: accessibilità ai parchi, ma con divieto di assembramento; accessibilità anche da parte di bambini e adolescenti, con obbligo di accompagnamento di un genitore o di altro adulto familiare (anche non parente) in caso di bambini al di sotto dei 14 anni e fino a 17 anni se portatori di patologie Npi, fragilità o cronicità.

Restano invece chiusi i playground nei quartieri a Ombriano e in via Bramante, essendo destinati a sport di squadra a oggi non consentiti. C’è una distinzione tra due tipi di parchi: in quelli liberi, non gestiti da soggetti incaricati, saranno ancora ancora inaccessibili, al momento fino al 15 giugno, per ragioni di sicurezza, le aree giochi per i bambini. Al Campo di Marte, al Parco Bonaldi e al parchetto di via Desti, invece, i gestori avranno l’obbligo di manutenzione e controllo periodico degli spazi, pulizia almeno giornaliera delle attrezzature, degli arredi e delle superfici più toccate, e una generale supervisione degli spazi verificando l’uso di mascherine, il distanziamento fisico, il controllo dei minori da parte degli accompagnatori impegnandosi a segnalare alla Polizia locale eventuali attività illecite. Verosimilmente ci vorranno un paio di giorni perché i gestori si adeguino e organizzino per le pulizie, quindi per qualche giorno i giochi potrebbero restare interdetti anche nei parchi custoditi.

LE REGOLE DEI PARCHI, IN SINTESI

Orario di apertura: 10-20; distanza fisica di almeno 1 metro per ogni individuo e di 2 metri in caso di attività motoria; uso obbligatorio della mascherina per tutte le persone sopra i 3 anni di età; obbligo di mascherina per tutte le persone che operano all’interno dei parchi; aree gioco off limits in caso di parco libero, giardini aperti, aree attrezzate all’aperto fino al 15 giugno.