Rivolta d’Adda – La Faster resta in paese e cresce

Il Comune di Rivolta d’Adda, come si suol dire, ha preso due piccioni con una fava. Alienando tre aree poste in vendita in via Ariosto, l’ente locale si è di fatto garantito il milione di euro che mancava per la completa realizzazione del nuovo polo scolastico e al contempo ha dato sbocchi alla necessità di ampliamento della ditta Faster che così non lascerà il paese. Anzi, espandendosi, potrebbe garantire ulteriori posti di lavoro.

I terreni oggetto dell’alienazione in questo periodo passeranno alla Felmar, che a sua volta li affitterà alla Faster, azienda conosciuta ovunque, con quasi 70 anni di esperienza, leader nel settore dell’industria idraulica, più di 500 milioni di innesti rapidi prodotti, oltre 80 brevetti depositati e circa 400 dipendenti; non si sposterà né a Casirate come era stato ventilato in un primo momento, né a Caravaggio dove pare ci fosse pronta una maxi area in zona industriale, ma amplierà il proprio stabilimento in via Ariosto, continuando ad operare a Rivolta d’Adda.

Faster è una realtà di primaria importanza nel quadro della ricerca, progettazione e produzione di innesti rapidi e multi connessioni per i circuiti oleodinamici che crede fortemente nella ricerca continua per l’innovazione. La Faster ha la possibilità di ampliarsi, l’amministrazione comunale con questa alienazione porta a casa il milione di euro che le consente di centrare un obiettivo importante, come quello della nuova scuola materna, dell’infanzia e della mensa scolastica. Giova ricordare che il nuovo edificio sorgerà sull’area verde di via Galilei, quindi, come evidenziato dal sindaco Fabio Calvi, in alcune circostanze, “si andrà a costituire un vero polo scolastico con primaria e medie dell’obbligo”.