Trigolo – Banda ‘Anelli’ tra lezioni a distanza e attesa per il ritorno al ‘live’

Il mondo dello spettacolo e dell’intrattenimento dal vivo si è bloccato a causa della pandemia da Coronavirus e sarà l’ultimo a poter ripartire. Quando si potrà tornare a vivere l’emozione di un concerto live? Sembra che qualcosa possa muoversi da giugno, ma con rigidi protocolli da rispettare. Tra chi si è trovato costretto ad annullare le date in calendario e gli impegni di ogni tipo, non solo concertistici ma anche didattici, troviamo le bande musicali, e tra queste la ‘Anelli’ di Trigolo, una delle formazioni più attive della nostra provincia.
“Come potete immaginare le bande musicali stanno soffrendo per questo lunghissimo periodo di inattività, dovuto all’epidemia del Covid-19 – esordisce il direttore della compagine trigolese, Vittorio Zanibelli –, con ripercussioni anche sull’attività didattica e formativa. Ma, vista la situazione e il rischio per la salute di allievi, insegnanti e suonatori, abbiamo ritenuto di eccedere nella prudenza, nonostante il nostro forte e legittimo desiderio di tornare a fare musica insieme, sospendendo ogni attività. La nostra banda ha cercato, però, di non far venire meno il supporto educativo ai molti allievi dei ‘Corsi strumentali’ e grazie anche alla disponibilità dei vari insegnanti, ha continuato l’attività della propria ‘Scuola di Musica’ grazie a lezioni singole o di gruppo in streaming che hanno coinvolto tutti gli allievi, anche quelli residenti fuori Trigolo, con riscontri molto positivi e incoraggianti anche da parte delle famiglie. Questo ci permette di portare a termine l’anno scolastico concludendo il programma previsto, cosa che ci rassicura sul futuro della nostra scuola, evitando di disperdere un prezioso patrimonio che rappresenta il nostro futuro”.
Sospese le attività didattiche in presenza ma garantite quelle a distanza, la ‘Anelli’ deve fare i conti anche con la sospensione dei live, problema non solo artistico ma anche economico. “Come sicuramente si può immaginare – interviene il presidente Alessandro Pini – a causa dell’epidemia da Covid-19, siamo stati costretti a sospendere tutte le iniziative promosse dalla nostra associazione: niente concerti, manifestazioni, servizi musicali e il permanere di questa situazione potrebbe continuare a ridimensionare significativamente la nostra futura attività visto che, oltre a non consentirci di fare programmi per il futuro, ci ha precluso la nostra principale fonte di finanziamento, in un momento in cui le bande musicali si trovano già ad affrontare la riforma del Terzo Settore che, così come è formulata, si rivela seriamente penalizzante per il comparto. Senza dimenticare la forzata sospensione delle prove d’insieme che si protrae ormai dall’ultima decade di febbraio senza che, al momento, si possa intravvedere la possibilità di tornare a suonare tutti insieme”.
Con uno sguardo proiettato verso il futuro, con speranza ma non senza preoccupazione, la banda si è comunque tenuta ‘calda’. Tanti musicisti durante il lockdown hanno registrato e stanno registrando brani che si scambiano con altri componenti la banda al fine di mantenere i contatti e dar sfogo alla propria passione. “Dal canto suo – conclude Pini – la nostra formazione, con la speranza di dare un po’ di serenità agli oltre 1.650 amici che ci seguono sui social network, ha pubblicato ogni giorno a partire dal 15 marzo scorso, il video di un proprio brano musicale sulla nostra pagina Facebook (corpo bandistico ‘giuseppe anelli’ – orchestra di fiati di trigolo (cr)) e il riscontro è stato più che positivo. La cosa fa ben sperare, alla ripresa dell’attività, in una significativa partecipazione da parte del numeroso pubblico, che da sempre segue l’attività concertistica della nostra Orchestra di Fiati”.