Bocce: aggiornamenti post decreto…

Uno spiraglio per poter iniziare da fine mese, più probabilmente dai primi di giugno. Non è mancata la delusione nei bocciofili cremaschi dopo l’ultimo decreto emanato dal Governo. Il presidente federale, Marco Giunio De Santis, si è sentito in obbligo di intervenire per illustrare i contenuti del decreto riguardanti le attività sportive. “Gli allenamenti autorizzati sono esclusivamente quelli, al momento, riservati ai nostri atleti d’interesse nazionale, segnalati dai competenti commissari tecnici”. Da lunedì scorso, soltanto un numero ristretto di boccisti ha iniziato ad allenarsi individualmente nelle bocciofile di appartenenza, a porte chiuse, oppure negli spazi all’aperto delle stesse o in altre strutture appositamente indicate. Tra questi atleti d’élite rientra il vaianese Mattia Visconti, 23 anni a giugno, già campione europeo Under 23, due titoli continentali e tre nazionali nel suo palmarès. In teoria, il giocatore sarebbe dovuto andare ad allenarsi a Brescia, sulle corsie della Arcos, anche perché nel Cremasco i bocciodromi sono tutti chiusi. Ma aspetterà che aprano i nostri impianti.. Per quanto concerne invece gli allenamenti delle squadre di alto livello, che partecipano ai campionati, occorrerà attendere il 18 maggio, quando presumibilmente saranno consentiti, anche in questo caso, seguendo un apposito protocollo. “L’intenzione del Governo – assicura il presidente – è di riaprire tutti gli impianti sportivi, bocciofile comprese, entro la fine di maggio, se le condizioni sanitarie e di sicurezza lo permetteranno, di concerto con le Federazioni competenti, che avranno il compito di rendere attuative le disposizioni protocollari da calibrare alle peculiarità della singola disciplina”. Per quanto concerne gli aiuti economici alle società, in accordo con l’istituto del Credito Sportivo, è previsto un finanziamento senza tassi di interesse e senza garanzie, fino al 25% del budget societario annuale, da restituire dal terzo anno in poi. Nel frattempo, nei giorni scorsi si è tenuta in video conferenza una riunione del Cda del consorzio Bocce in… Lombardia, che gestisce il bocciodromo comunale di Crema e che è presieduto dal cremonese Bruno Casarini. Il consorzio è nato nel settembre del 2017, con l’obiettivo di sostenere l’impiantistica sportiva della regione e di promuovere lo sport delle bocce su tutto il territorio lombardo. Hanno partecipato alla riunione, oltre a Casarini, il vicepresidente Moreno Volpi e i consiglieri Moreno Rosati e Mario Seregni. Nessuna novità di rilievo è emerse, neppure a riguardo del bocciodromo comunale di via Indipendenza, per il quale si attende ancora che venga bandita la gara d’appalto per la ristrutturazione.
Per concludere, dalla prossima stagione, che inizierà il primo ottobre, Mattia Visconti farà coppia con il soresinese Pietro Zovadelli, che si trasferirà alla Arcos Brescia. Il 56enne atleta di categoria A1 vanta un titolo mondiale, tre titoli europei e due titoli italiani.