Crema – Carabinieri Forestali salvano una tartaruga grazie a segnalazione di un automobilista. L’omissione di soccorso del cittadino sarebbe stata sanzionata

Carabiniere con la tartaruga salvata

Provvidenziale e risolutivo è stato l’intervento della pattuglia dei Carabinieri Forestali della Stazione di Crema impegnata il 30 Aprile in attività di emergenza ambientale sull’esteso territorio Provinciale. I militari, su segnalazione di un automobilista in transito lungo via Giuseppina, a Cremona, hanno salvato una tartaruga da terra con il carapace spezzato in più punti.

Probabilmente il piccolo animale era stato investito. Non sono stati pochi infatti, nel periodo di totale lockdown, gli animali visti aggirarsi lungo le strade, e in diversi casi uccisi dal passaggio dei mezzi. Del resto per il mondo animale è stata una situazione strana, con la possibilità di riappropriarsi di uno spazio del loro mondo tornato in insolito silenzio.

“Preso atto della criticità della situazione – spiegano dalla sala stampa del Comando Provinciale dell’Arma – l’esemplare di Testudo Hermanni è stato prontamente soccorso e affidato per le cure del caso in Clinica Veterinaria di Cremona specializzata anche per rettili ed animali esotici. Intervento che ha salvato la vita al carapace già in grado, il giorno successivo, di iniziare a muoversi. Non può dirsi ancora ‘fuori pericolo’ in quanto è ancora molto alto il rischio di infezioni, rimarrà pertanto ‘sotto osservazione’ per diversi giorni”.

La testuggine, sprovvista dell’obbligatorio microchip identificativo, era quindi non legalmente detenuta. “Con molta probabilità era fuggita dal proprietario non per forza vicino al luogo del rinvenimento in quanto, soprattutto conseguentemente al risveglio primaverile, le Testudo, che etologicamente non possono definirsi ‘animali stanziali’, tendono a fuggire dai luoghi di detenzione per esplorare il territorio e, contrariamente a quanto si possa pensare, possono percorrere anche 300 metri in un’ ora. E’ opportuno ricordare che, l’omissione di soccorso di animali feriti, è un illecito amministrativo sanzionato fino a 1.658 euro come da Legge n. 120 del 2010.”