TEST SIEROLOGICI – Sindaci e Provincia chiedono riscontro alla loro richiesta

Si continua a parlare dei test sierologici, dopo che sono stati avviati anche a Crema, per certe categorie, come indicato dall’assessore al Welfare regionale Giulio Gallera. Ma il territorio provinciale li invoca in modo massiccio, come avevamo riportato.

I sindaci della provincia e il presidente della Provincia di Cremona, si ricorderà, avevano avanzato la richiesta a Regione Lombardia per un intervento di somministrazione dei test che coinvolga tutta la popolazione residente nel territorio provinciale. Dopo aver scritto il 15 aprile scorso e aver chiesto il 21 un incontro con Ats per avere aggiornamenti e indicazioni, ieri pomeriggio primi cittadini e presidente dell’ente provinciale Mirko Signoroni hanno nuovamente chiesto un riscontro, avendo appreso che i test sierologici inizieranno sul territorio, ma non avendo avuto finora alcuna risposta circa le modalità e le regole con cui si procederà.

“Intanto grazie al consigliere regionale Matteo Piloni che ha sostenuto la richiesta di tutti i sindaci e del presidente della nostra Provincia, nonché di tutto il mondo economico e sindacale, per i test a tappeto sul territorio. Noi continuiamo a insistere, riteniamo di averne titolo per il triste primato dei numeri dei contagi in questa provincia e vogliamo potere dare garanzie adeguate per una ripresa in serenità e sicurezza”, ha dichiarato il sindaco di Crema.

“Attendiamo i riscontri di Ats, ufficialmente investita dopo la lettera alla Regione, certo il fatto che tutto un territorio all’unisono esprima una simile richiesta, avanzando anche la disponibilità a compartecipare ai costi, è un segnale importante, che deve essere tenuto in considerazione”. La richiesta, appunto, è arrivata in modo compatto, costruttivo e collaborativo, con addirittura la disponibilità a partecipare alle spese!

Il presidente della Provincia e i colleghi sindaci di Cremona e di Casalmaggiore, con la Bonaldi, hanno chiesto l’incontro urgente con l’Ats Val Padana, “anche al fine di stringere alleanze con istituti e laboratori disponibili a questa azione, che vuole essere a tappeto”.