CASALE CREMASCO – Tulipani rossi contro la violenza alle donne e contro il Covid-19!

Puntuali come orologi svizzeri, a Casale Cremasco sono giunti quasi a completa fioritura i 2.000 tulipani rossi (nella foto) che l’amministrazione comunale guidata da Antonio Grassi, sempre sensibile al tema della violenza alle donne, aveva piantato in occasione della Giornata internazionale dedicata alla triste problematica. “No alla violenza alle donne”, si legge sui cartelli posizionati nell’aiuola, davvero bellissima.
“I fiori se ne infischiano del Coronavirus Covid-19. Un messaggio di riconciliazione con la natura: impariamo da lei che vince sempre e non sbaglia mai”, afferma il primo cittadino casalese.
Lo scorso 8 marzo le annuali iniziative pubbliche organizzate dalla Consulta per le Pari opportunità comunale per festeggiare tutte le donne erano state rinviate a causa dell’emergenza sanitaria, come del resto le altre manifestazioni, in tutti i Comuni e città. Casale Cremasco Vidolasco e la sua Consulta, però, non perdono l’occasione per sottolineare che la festa della donna non debba limitarsi al giorno stabilito a livello mondiale, ma essere realtà 365 giorni l’anno. Le donne non si toccano nemmeno con un fiore!
L’iniziativa dei tulipani rossi è ormai un appuntamento primaverile fisso per il paese e per l’intero territorio cremasco. I fiori sbocciati e cresciuti, oltre a regalare un bel colpo d’occhio vicino alla Casa dell’Acqua, e a esprimere un forte monito contro la violenza alle donne, quest’anno rappresentano anche un bel segnale di speranza contro questo maledetto virus, che sconfiggeremo! Complimenti all’amministrazione per aver portato avanti l’idea.
A proposito, il Comune ha reperito mascherine sufficienti per distribuirle a tutte le famiglie. “La distribuzione verrà effettuata da lunedì in ogni abitazione – spiega il sindaco Grassi -. Consiglieri e volontari suoneranno in tutte le case per avvertire della consegna.  Ogni famiglia riceverà una mascherina che sarà consegnata in una confezione chiusa”.