Fondazione Milanesi e Frosi – Le relazioni ai tempi del Coronavirus grazie a Whatsapp e Skype

Fondazione Milanesi e Frosi
Alla Casa di Riposo di Trigolo la tecnologia diventa uno strumento utile anche in questo momento di estremo bisogno. In seguito alla diffusione dell’epidemia del Coronavirus, la struttura ha dovuto sospendere le visite dei familiari. È nata quindi l’idea delle educatrici, in accordo con l’Amministrazione e il direttore sanitario, di utilizzare lo strumento del tablet per mantenere le relazioni tra ospiti-familiari effettuando videochiamate e video messaggi con Whatsapp e Skype.
I familiari degli ospiti, consapevoli che il divieto di accesso è stato messo in atto per tutelare la salute dei propri cari, hanno vissuto con molto entusiasmo l’iniziativa tecnologica. Ciò che è stato maggiormente apprezzato è il poter constatare la reale condizione di salute del proprio caro e vedere che la vita all’interno della struttura prosegua serenamente, non solo mantenendo le quotidiane attività programmate, ma prestando una maggior attenzione agli ospiti in questo momento di difficoltà.
Il personale della struttura, pur nella difficoltà del momento, ha sempre mostrato costante collaborazione, disponibilità, efficienza, operosità e dinamismo rispondendo a ogni necessità espressa dagli ospiti.
Gli ospiti, inizialmente incuriositi e sorpresi da questa inconsueta forma di comunicazione, hanno via via superato lo scetticismo e, affidandosi totalmente alle educatrici, si sono messi in gioco cogliendo al volo questa nuova opportunità. Il poter vedere che anche i propri cari stavano bene e il poterli riabbracciare virtualmente ha generato in loro forti emozioni e anche qualche lacrima.
Le educatrici sono orgogliose di aver contribuito a mantenere vivo, attraverso i social e la tecnologia, il forte contatto tra ospite e familiare, che nemmeno le restrittive misure di protezione hanno potuto affievolire.