Castelleone – Malore e sinistro lungo il viale, Patrini non ce l’ha fatta

A nulla è servita la corsa in ambulanza verso l’ospedale Maggiore di Crema. Gianluigi Patrini, imprenditore ed ex calciatore del Crema, è spirato nel tragitto che da Castelleone avrebbe dovuto portarlo al nosocomio. Colto da un malore mentre si trovava alla guida della sua auto, ieri intorno alle 14, è uscito dalla sede stradale lungo viale Santuario andando a sbattere prima contro il muro di recinzione di una casa e poi contro un albero.

Chi ha assistito alla scena ha immediatamente chiamato i soccorsi. Sul posto 118 e Polizia Locale. Patrini è stato estratto dall’abitacolo della sua Lancia Delta e i sanitari hanno cercato di rianimarlo. Colto da un arresto cardiaco, infatti, l’imprenditore cremasco ha perso il controllo della sua vettura finendo fuori strada poco prima del semaforo all’incrocio tra viale Santuario e via Dosso. Patrini stava facendo rientro verso Crema.

Il 66enne è spirato in ambulanza. A quanto pare a causa del malore. Sarà l’autopsia ad accertarlo. La notizia ha fatto il giro della città e vasto è stato il cordoglio per la prematura scomparsa di un uomo conosciuto e stimato.