SMOG IN CITTÀ – Aria pessima, Coti Zelati ancora critico

Ci risiamo, l’aria che respiriamo a Crema è di scarsa qualità e in questi giorni lo è stato sempre di più. 

“Siamo nuovamente a lanciare l’allarme che diventa, purtroppo, sempre più grave: questa, a Crema, è un’ulteriore settimana con qualità dell’aria pessima. Siamo costretti a respirare concentrazioni elevatissime di PM 10, ma anche di PM 2,5. Avevamo ormai una settimana fa denunciato l’immobilismo dell’amministrazione comunale di fronte a questa situazione e ci vediamo costretti a sottolineare che nonostante la situazione peggiori nulla viene ancora messo in campo”. 

Così Emanuele Coti Zelati de La Sinistra, che a sostegno delle sue parole porta i dati Arpa definiti “inequivocabili” (nell’immagine). “Sarebbe davvero il momento di smettere di scrivere post su Facebook e banalizzare ciò che gli altri fanno notare e intervenire fattivamente sull’enorme problema di inquinamento ambientale che la città ha e che i cremaschi patiscono: è una questione fondamentale, urgente e non più rinviabile perché, al di là delle dichiarazioni dell’amministrazione, i fatti sono quelli descritti dai numeri di Arpa, molto preoccupanti e riaccadono ogni anno nell’indifferenza di Bonaldi e Gramignoli: quel poco che è stato fatto fino a oggi è insufficiente esattamente come dimostrano i fatti”, era stato il commento della scorsa settimana, valido anche in questa.