INTERVISTA – Agazzi: “Nostra volontà di contribuire a migliorare la qualità della vita dei concittadini”

Capogruppo di FI

Sempre attento alle dinamiche di Crema e del territorio, nonché profondo conoscitore della politica, intervistiamo oggi Antonio Agazzi, capogruppo cittadino di Forza Italia.

Come s’è aperto questo 2020 per il vostro gruppo?

“Direi con la conferma della nostra volontà di contribuire a migliorare la qualità della vita dei nostri concittadini. Certamente, chi esercita pro tempore le responsabilità di governo della città, quindi ‘esecutive’, ha più strumenti per dare risposte in tal senso. Tuttavia, anche assolvere con impegno e scrupolo alle funzioni di controllo, di stimolo e di proposta, caratteristiche della minoranza in particolare, può essere un utile presidio in direzione della buona amministrazione della cosa pubblica. L’importante è che l’amministrazione viva il nostro compito non con fastidio, ma con doverosa sensibilità democratica, atteggiamento che non sempre, ahimè, riscontriamo nel sindaco, in qualche assessore e in seno alla maggioranza”.

A volte, però, il vento ha soffiato diversamente…

“Ultimamente registriamo con piacere qualche apertura da parte dei consiglieri delle liste civiche di maggioranza che, in ogni caso, sono sempre comprensibilmente attenti a non mettere troppo in difficoltà sindaco e Giunta, anche quando comprendono che abbiamo ragione da vendere, come accaduto sulla questione della – a dir poco deficitaria – gestione della piscina comunale, che Bonaldi e Giunta non hanno avuto il coraggio di revocare a Sport Management, inducendo la propria maggioranza a respingere obtorto collo la nostra mozione in tal senso”.

Nel 2019 avete operato diverse “verifiche”: su tutte, appunto, la piscina comunale e Gestopark. Cosa ne avete tratto?

“Nel primo caso, come già detto, avevamo proposto la revoca dell’affidamento del servizio di gestione del Centro natatorio comunale a Sport Management, revoca respinta dalla maggioranza di centrosinistra che sostiene il sindaco, nonostante conclamate inadempienze rispetto al cronoprogramma delle opere da effettuarsi, previste nel contratto di servizio.
L’impressione che abbiamo ricavato è che temano di faticare a individuare un nuovo gestore e che a tale timore sacrifichino le legittime attese degli utenti, mettendo Sport Management nella comoda posizione di onorare o meno, a piacimento, gli obblighi nei confronti del Comune, proprietario dell’impianto e, sulla carta, ente deputato a vigilare sulla qualità del servizio erogato agli utenti.
Nel caso di Gestopark, il Comune ha affidato la ‘patata bollente’ a un legale. Questa – per inciso – è una Giunta che fa la fortuna dei legali! Vi fosse una gestione che procede senza intoppi e in modo lineare e virtuoso! Dalla GeoCantieri (Crema 2020), a Sport Management (piscina), fino a Gestopark, i legali continuano a brindare!”.

Articolo completo su Il Nuovo Torrazzo in edicola