SCUOLE E INVESTIMENTI – L’amministrazione Bonaldi ha investito 4 milioni in 8 anni

Sia nella parte ordinaria che in quella straordinaria l’amministrazione comunale è riuscita, dal 2012 a oggi, ad accrescere fortemente gli investimenti nell’edilizia scolastica.

I numeri, forniti dai vari bilanci di questi anni, sono corposi: in otto anni amministrativi, 292 mila euro in manutenzione ordinaria, quasi 390 mila euro nell’Università, 3 milioni 487 mila euro in investimenti in edilizia scolastica di grande portata, tra i quali si annoverano specialmente i tanti interventi di adeguamento strutturale in molti edifici di tutti i gradi, dalle scuole dell’infanzia alle medie. In totale 4 milioni e 170 mila euro, di cui un milione nel 2019. 

Numeri in crescita che rappresentano la disponibilità finanziaria migliorata nel corso degli anni, con l’amministrazione che ha scelto di puntare su questo ambito: di fatto, l’edilizia scolastica è stato il comparto maggiormente interessato da interventi pubblici di rilievo nel Comune di Crema. A fronte di questa realtà oggettivamente misurabile, l’assessore all’Istruzione ed Edilizia Scolastica, Attilio Galmozzi, così commenta:

“In questi ultimi anni abbiamo investito milioni di euro in edilizia scolastica: una priorità, come testimoniano gli oltre 4 milioni di euro investiti lungo il corso delle amministrazioni guidate dal sindaco Stefania Bonaldi”.  Il lungo elenco degli interventi cita opere fondamentali “che nel passato, quando le amministrazioni potevano accedere a mutui vantaggiosi per opere pubbliche, nessuno s’è sognato di eseguire”, prosegue l’assessore Galmozzi. “Si è operato attentamente affinché i luoghi nei quali vivono i nostri piccoli cittadini siano adeguati alla normativa antincendio, usando materiali innovativi, energeticamente favorevoli e salubri. C’è chi dipinge dai banchi dell’opposizione i nostri edifici scolastici come luoghi pericolosi, pericolanti, insicuri, fatiscenti, inagibili. Questa è pura fantasia, una narrazione completamente falsa e distorta; ancora più grave è la volontà di creare ingiustificati allarmismi per puro spirito di rivalsa, citando peraltro opere da completare che sono già state scritte nero su bianco e pianificate con le adeguate coperture da questa amministrazione”.

Sabato prossimo approfondimento sul tema.