MONTODINE – Il premio ai “cittadini dell’anno” a Natale Allocchio e Mina Cavalli

Il sindaco e il parroco consegnano le targhe alle sorelle dei due premiati

È stato un momento denso di significati quello che s’è vissuto domenica 22 dicembre, nella chiesa parrocchiale di Montodine: prima il 17° Concerto di Natale proposto dal locale Coro Mélos, poi la consegna del tradizionale premio del Montodinese dell’anno.

Per il 2019 ormai agli sgoccioli il riconoscimento è “alla memoria”: la Pro Loco, in sintonia con l’amministrazione comunale, ha deciso di ricordare e valorizzare con il premio due persone indimenticabili come Natale Allocchio e Mina Cavalli, entrambi innamorati di Montodine e, purtroppo, stroncati nei mesi scorsi da mali che non perdonano.

Fotografo appassionato e attento a immortalare con i suoi scatti personaggi, eventi e paesaggi del paese, Natale è stato un punto di riferimento per la Pro Loco e per il Comune: sempre disponibile e presente in ogni occasione, “ha saputo osservare e cogliere con la macchina fotografica gli aspetti socio-ambientali del territorio e attimi che altrimenti sarebbero stati dimenticati”.

Mina, anima della Pro Loco e profonda appassionata della cultura locale, ha saputo a sua volta promuovere e valorizzare le tradizioni montodinesi, impegnandosi in una miriade di iniziative. Tantissimo ha inoltre fatto nella sua lunga professione infermieristica all’Ospedale Maggiore di Crema, soprattutto nel reparto di Oncologia del quale è stata a sua volta paziente nell’ultimo tratto della propria vita. All’ospedale è stata protagonista di Dipingere con un filo di speranza: una raccolta delle sue opere, frutto di quell’hobby per il ricamo “punto croce” che l’ha sostenuta negli anni della malattia.

Le targhe dei Montodinesi dell’anno sono state consegnate dal sindaco Alessandro Pandini e dal parroco don Emilio Luppo ad Attilia Allocchio (sorella di Natale) e a Donata Cavalli (sorella di Mina).