RUBBIANO – Aperto il presepio realizzato nel cortile dell’oratorio da un gruppo di volontari

Natività
Benvenuti nel villaggio dove nasce Gesù. C’è tutta l’emozione, la gioia e l’atmosfera del Natale nel grande presepio allestito anche quest’anno nel cortile dell’oratorio di Rubbiano, grazie all’impegno e alla bravura di un gruppo di volontari che, con una straordinaria cura dei dettagli e utilizzando materiali in larga parte di recupero, hanno costruito la bellissima rappresentazione. Una vera e propria opera d’arte.
La stella cometa posta all’ingresso e la capanna con Maria, Giuseppe e il Bambino sono il “segno” che accoglie i visitatori. Sono il cuore del villaggio, che da lì in avanti si snoda in un percorso che ricostruisce l’ambiente palestinese e, con un filo logico, una serie di lavori ben noti anche da noi. Tra pastori, greggi di pecore e cammelli ecco allora il fruttivendolo, chi macina il grano per fornire la farina al fornaio e al panettiere, il pescatore-pescivendolo, il falegname, la donna che tesse la lana o che attinge acqua al pozzo… Tutto a grandezza naturale e con magnifici costumi.
Al centro del villaggio è collocato il falò, contornato da panchine dove la gente del paese e i visitatori possono ritrovarsi per condividere il calore non solo del fuoco, ma soprattutto dell’amicizia. Il presepe – che la prossima settimana sarà visitato dai bimbi dell’asilo – è aperto ogni sera e nelle giornate festive. Qui, dove nasce Gesù, è bello augurarsi “buon Natale”.