Castelleone – MagicaMusica lascia il Giappone a bocca aperta

Si è da poco conclusa la visita della delegazione giapponese al progetto MagicaMusica. Presso la sede castelleonese della speciale orchestra diretta da Piero Lombardi il settore operativo nell’ambito della disabilità nipponico, rappresentato in questo viaggio nello stivale da una decina di operatori del sociale e politici, è rimasto a bocca aperta. Ha ascoltato la storia e i progetti dell’associazione e ha fatto cantare e suonare i ragazzi come un juke box: Lombardi ha consegnato ai presenti una lista di tutto il repertorio della sua compagine musicale e ha fatto scegliere i brani che i ragazzi avrebbero dovuto eseguire. I sindaci guidati da quello di casa Pietro fiori, i politici nazionali e regionali (Bossi e Piloni), le autorità militari, il rappresentante della Presidenza del Consiglio e la delegazione ospite, si sono sbizzarriti e hanno avuto in risposta performance di altissimo livello. A testimoniare il fatto che MagicaMusica è un’orchestra vera.

L’incontro, due ore piene condite da canzoni, video e parole dette col cuore e con la mente per far comprendere lo spessore di questa eccellenza tutta italiana, tutta castelleonese, ha colto nel segno. La rappresentativa nipponica ha ascoltato, preso appunti, applaudito, pronta a riportare in patria i canoni di un progetto da ripetere per migliorare l’inclusività sociale delle persone con disabilità, ma soprattutto per far emergere i loro talenti e approcciare la realtà in un modo diverso, valorizzando le peculiarità e le risorse e dimenticandosi tutto il resto. Per farlo servirà una prova sul campo e già sono state gettate le basi, o meglio dire i primi ‘progetti’, per un viaggio oltre oceano dell’orchestra che sta girando lo stivale portando musica, gioia e abbattendo ogni steccato costruito da retaggi antichi. Per parlare di differenza, un valore che fa crescere.

Leggi l’articolo in versione integrale su Il Nuovo Torrazzo di sabato 30 novembre