CASTELLEONE – Piscina, petizione per migliorarla. Ben duecento firme raccolte

Castelleone
Duecento firme per migliorare la piscina. Tante le sottoscrizioni raccolte da un gruppo di castelleonesi e portate all’attenzione del sindaco.
“Una petizione per nulla polemica – spiega il primo cittadino Pietro Fiori – ed è questo lo spirito che mi piace di un gruppo che ci siamo impegnati, io e l’assessore ai Lavori Pubblici Federico Marchesi, a incontrare quanto prima”.
Che il centro natatorio abbia bisogno di interventi è sotto gli occhi di tutti. In primis di amministratori pubblici e gestore. “Carminati – continua Fiori – che da anni garantisce il servizio presso la nostra piscina, così come fa a Romano di Lombardia, in più occasioni si è reso protagonista di interventi per dare una mano al Comune nella manutenzione ordinaria. Quello di cui si può parlare sono migliorie e interventi di sistemazione di alcune aree, e per questo siamo aperti alle proposte dei cittadini. Altra cosa è pensare a una manutenzione straordinaria, magari con l’ipotesi di copertura. Si parlerebbe non solo di altre cifre che l’Ente Locale non ha a disposizione ma anche di una gestione successiva particolarmente dispendiosa”.
E quindi come fare? È possibile implementare l’offerta? “La crescita del centro natatorio passa necessariamente attraverso i privati – conclude il sindaco –; solo così si potrebbe pensare a una piscina aperta anche d’inverno. Ovviamente si tratterebbe di un intervento volto a garantire un servizio al pubblico ma costruito su una specifica attività privata rivolta
a corsi o riabilitazioni. Diversamente ogni intervento si rivelerebbe antieconomico e si correrebbero i rischi che altre realtà, neppure troppo lontane da noi, stanno vivendo”.
In ogni caso l’incontro con i firmatari della petizione ci sarà e da quello potrebbero emergere idee e collaborazioni nuove per migliorare il servizio reso all’utenza estiva.