EX SCUOLA CIELLE – Nuova ordinanza del sindaco per ripristinare la sicurezza

“Condizioni intollerabili”, dichiara il sindaco. “Il curatore deve intervenire con urgenza. Il perimetro dell’edificio abbandonato sito alla Cascina Valcarenga – noto anche come “ex scuola di Cielle” – non è più in sicurezza”. Nel maggio 2017 il liquidatore della fondazione Charis aveva provveduto, su ordinanza comunale, a recintare l’area per evitare intrusioni in un edificio in stato di degrado e abbandono; oggi la situazione – per il venir meno nel tempo delle continue e necessarie opere manutentive riguardanti l’integrità del perimetro e la cura nello sfalcio della vegetazione – versa in condizioni simili alle precedenti e preoccupanti: abbandono di rifiuti, diversi punti della recinzione sfondati. Recinzione, peraltro, composta da una semplice cesata metallica o rete in plastica da cantiere, facilmente soggetta a danno e rimuovibile.
“Per questa ragione il sindaco di Crema, Stefania Bonaldi ha firmato una nuova ordinanza che obblighi, entro trenta giorni, il curatore fallimentare a ripristinare l’area e a metterla in sicurezza. Nell’ordinanza si prescrive di ripristinare la recinzione di cantiere con interventi che dimostrino efficacia, non solo nell’immediato, ma protratti nel tempo al fine di garantire l’inviolabilità dell’intero perimetro; l’immediato taglio delle alberature spontanee e delle erbe incolte eccedenti i confini della richiamata area e di volerne calendarizzare i previsti tagli stagionali. In caso questi interventi non fossero eseguiti entro il termine indicato, saranno svolti dal Comune che si rivarrà sulla proprietà per il recupero degli oneri sostenuti. Sempre considerando che l’inosservanza di un’ordinanza è anche passibile di sanzione secondo l’art. 650 del Codice Penale.
Articolo completo sul giornale di sabato