Cremasco – Sabato di sinistri, i più gravi a Spino e sulla Melotta

Sabato di gravi sinistri nel Cremasco ed eliambulanza che si alza in volo per ben due volte per il trasferimento dei feriti.

Primo incidente alle 10 del prefestivo lungo la Melotta, in territorio comunale di Casaletto di Sopra. La Chevrolet Aveo condotta da un 19enne di Sergnano ha letteralmente sfondato il guard rail finendo nel Naviglio. Il giovane automobilista, che proveniva da Soncino, ha perso il controllo del suo mezzo per un malore o una distrazione, saranno i Carabinieri a definire le cause.

Sul posto sono stati chiamati i soccorsi. Il sergnanese non ha mai perso conoscenza e non sarebbe in pericolo di vita, ma vista la gravità delle lesioni i sanitari hanno preferito far atterrare da Bergamo l’eliambulanza per il trasferimento del ferito, liberato dalle lamiere contorte della sua vettura grazie all’intervento dei Vigili del Fuoco. Sulla trafficata arteria stradale si sono verificati rallentamenti e code.

Cinque ore più tardi elisoccorso ancora in volo sul Cremasco. Intervento a Spino d’Adda, questa volta, per soccorrere un 71enne investito da una Citroen C3 all’incrocio tra la via che dal cimitero riporta in paese, il percorso della vecchia 415 e via Vittoria. L’automobilista si è subito fermato per chiamare il 118 e favorire l’intervento dei medici. Precauzionalmente il 71enne, che ha problemi di salute, è stato trasportato in elicottero a Pavia.

Nella mattinata di sabato un altro sinistro si è verificato a Crema, all’imbocco della tangenziale provenendo da Cà delle Mosche. Fortunatamente lievi le conseguenze per i coinvolti, un automobilista cremasco (illeso) e una donna di Castelleone che aveva in auto con sé i due figli. Mama e bimbi hanno rimediato contusioni ma niente di grave. Sul posto Polizia Locale e 118.