FESTIVAL DEI DIRITTI – Anche a Crema si parlerà di futuro

Per la prima volta in dieci anni di storia il Festival dei Diritti fa tappa a Crema. Tante le iniziative organizzate nel mese di novembre per sensibilizzare e informare la cittadinanza relativamente a temi come la povertà e la disuguaglianza tra generi. 

TEMA DELL’EDIZIONE 2019: IL FUTURO

Il Festival dei Diritti è nato undici anni fa, nel 2008, a Pavia e in seguito è cresciuto coinvolgendo in primis la nostra città, ma anche Cava Manara, Cremona, Gonzaga, Lodi, Mantova, Suzzara e Torre d’Isola. La manifestazione è promossa da Csv Lombardia Sud, con il patrocinio e il contributo di molte realtà lombarde. Il tema scelto per l’edizione del Festival 2019 è il futuro. Punto di partenza è “Agenda 2030”, il documento firmato dall’Onu nel 2015 per denunciare l’insostenibilità dell’attuale modello di sviluppo – economico, sociale e ambientale – e prefissare gli obiettivi concreti da raggiungere entro il 2030. Tra questi c’è la realizzazione di un’educazione equa, inclusiva e di qualità, per offrire a tutti la possibilità di andare a scuola. 

INTERCULTURA, OSPITE DELLA PRIMA SERATA

Proprio da tale punto il Festival è stato inaugurato domenica sera, a Crema, in Sala dei Ricevimenti. Protagonista Intercultura, Onlus fondata nel 1955 e che si propone di promuovere e finanziare programmi scolastici internazionali (nella foto un momento della serata). “Nel 2019 sono stati ben 2.250 studenti italiani delle scuole superiori a trascorrere un periodo all’estero – hanno dichiarato Davide e Chiara, due volontari dell’associazione –. Il fine non è mandare a studiare i ragazzi all’estero, ma promuovere il dialogo tra culture e l’educazione alla pace”.
Presenti all’appuntamento anche il vicesindaco e assessore al Welfare, Michele Gennuso, e l’assessore alla Cultura e alle Pari Opportunità, Emanuela Nichetti. “È importante che si svolga un Festival dei Diritti perché purtroppo non è così scontato che tutti godano di diritti seppure viviamo in un villaggio globale”, ha sottolineato Gennuso.
A seguire quattro studentesse cremasche (Miriam, Rebecca, Andrea e Beatrice) hanno raccontato le proprie esperienze di studio in quattro differenti Paesi (Tailandia, Russia, Francia e Portogallo).

IL FESTIVAL CONTINUA…

I prossimi appuntamenti in città sono: giovedì 14 novembre, alle ore 20.45 in Sala Ricevimenti, l’incontro Futuro e disabilità con Giovanni Cupidi; da mercoledì 20 a mercoledì 27 novembre la scuola secondaria di primo grado “A. Galmozzi” e “C. Abbado” ospiteranno la mostra fotografica Through our eyes & Attraverso i nostri occhi; dal 21 novembre la rassegna cinematografica Arriviamo al cinema! con tre documentari; giovedì 21 alle ore 17.30, in Sala Ricevimenti, si svolgerà il dibattito pubblico Periferie al centro per abitare il futuro; venerdì 22 alle ore 20.45, sala Alessandrini, si parlerà di Gaza da dentro! Il fulturo dei diritti con relatrice Egidia Beretta, mamma di Vittorio Arrigoni, reporter ucciso a Gaza nel 2011 perché difensore dei diritti umani. 

Per maggiori informazioni consultare il sito del Festival: www.festivaldeidiritti.org