ESPLOSIONE A QUARGNETO – Mons. Gallese: “I vigili del fuoco sono persone altruiste, si dedicano agli altri con generosità”

pompieri
“Di fronte a questi drammi si trovano ben poche parole perché la nostra mente e il nostro cuore sono fatti per la vita, per il bene e non per la sofferenza. Quando succede qualcosa che arreca dolore, si rimane attoniti, senza parole”: così il vescovo di Alessandria, mons. Guido Gallese, commenta al Sir l’esplosione avvenuta nella notte scorsa in una cascina a Quargnento, in provincia di Alessandria, costata la vita a tre vigili del fuoco: Matteo Gastaldo (46 anni), Marco Triches (38) e Antonino Candido (32). Feriti altri due loro colleghi e un carabiniere che, come ha riferito il portavoce dei pompieri Luca Cari, “non sono gravi”.
Sul posto dell’esplosione sono stati trovati degli inneschi: collegati ad una bombola inesplosa, c’erano dei fili elettrici e un timer. Si ipotizza, perciò, un fatto doloso. “Questo aumenta la sofferenza – afferma il vescovo -. Non c’è altra consolazione se non nel mistero di una storia attraversata dal male, ma redenta dal Bene che ci offre una mano per passare insieme attraverso la grande tribolazione, in attesa di una ricapitolazione in Cristo”.
Dopo il drammatico evento in tanti, dal presidente Sergio Mattarella al premier Giuseppe Conte, hanno ricordato il prezioso servizio che viene offerto dai pompieri: “Ricordo con grande affetto i vigili del fuoco, abbiamo tante occasioni istituzionali per incontrarci e presto celebrerò la messa di Santa Barbara per loro – ricorda il presule -. Sono persone altruiste, si dedicano agli altri con grande generosità. Fanno con grande passione questo lavoro: anzi, è più un servizio, che un lavoro! Perciò, sono un esempio per tutti noi che dovremmo imparare a valutare ed essere riconoscenti nel loro confronti per quello che fanno e per quello che vivono”.