IV NOVEMBRE – Onore ai Caduti e alle forze dell’ordine, “i custodi più credibili della grande famiglia nazionale”

Puntuali, alle 9.15 di stamattina, il Comitato di Coordinamento delle Associazioni Combattentistiche, d’Arma, di Servizio e di Categoria di Crema, e l’amministrazione comunale – presenti il sindaco Stefania Bonaldi e diversi assessori – hanno dato vita alle manifestazioni della Giornata dell’unita Nazionale e Festa delle Forze Armate. La pioggia ha dato tregua e permesso ai diversi momenti di essere vissuti in pienezza.

Un IV Novembre dal programma collaudato, ma sempre molto sentito, anche se purtroppo poco partecipato dalla cittadinanza. All’appello hanno risposto, però, le classi quinte G e D dell’istituto agrario “Stanga”. Tutte presenti le associazioni e le rappresentanze dei Combattenti e Reduci, con gargiardetti e gonfaloni, a fianco delle autorità e delle forze dell’ordine.

Dopo la posa di una corona d’alloro alla Colonna votiva di piazzale Rimembranze da parte del sindaco, i presenti hanno sfilato in piazza Garibaldi, via Mazzini e via XX Settembre, per raggiungere piazza Trento e Trieste. Qui, sotto il monumento dell’Arciere, l’onore ai Caduti una nuova deposizione, l’alzabandiera, il discorso del sindaco Bonaldi e la lettura del Bollettino della Vittoria. “La guerra è sempre, anche in questo preciso momento, anche se non è sotto i nostri occhi. Molte situazioni di oggi ci fanno temere… le guerre degli altri e quelle di oggi sono indispensabili per capire se i nostri morti, quelli di ieri, sono stati una lezione oppure no, se il  sacrificio di milioni di persone è servito, oppure no”, ha detto la Bonaldi. Di seguito ha evidenziato anche la ricorrenza come festa dell’unità nazionale e delle forze armate: “Le forze dell’ordine sono trai custodi più credibili dei valori della nostra grande famiglia nazionale… capaci di farci sentire a casa, in una casa custodita, una presenza non minacciosa, che rasserena chi è pacifico e rende cauti i violenti…”, ha significativamente esclamato.

Di seguito la santa Messa per i Caduti di tutte le guerre, seguita, presso la lapide dei Caduti per l’Unità d’Italia sotto i “voltoni” del municipio, dalla deposizione di una nuova corona d’alloro. Infine la cerimonia di premiazione del concorso “IV Novembre” in Sala degli Ostaggi.

Articoli sulle manifestazioni sul giornale di sabato in edicola.