SERVIZIO CIVILE – Caritas Crema cerca quattro giovani

Caritas Crema cerca quattro giovani – dai 18 ai 29 anni non compiuti – che vogliano mettersi in gioco a fianco dei propri operatori e volontari per un’esperienza di servizio Servizio civile. La domanda, che può essere presentata presso un solo ente, va inoltrata sull’apposita modulistica – disponibile sul sito www.serviziocivile.gov.it oppure www.scelgoilserviziocivile.gov.it – entro il 10 ottobre prossimo.

Il servizio decorrerà da gennaio 2020 e durerà 12 mesi, per un ammontare complessivo di 1.400 ore, con un corrispettivo mensile di 433,80 euro. Chi fosse interessato/a a prestare Servizio civile presso la Caritas diocesana può contattare Young Caritas Crema, referente Paola Vailati, telefonando allo 0373.286175 o all’indirizzo young@caritascrema.it per avere tutte le informazioni, un confronto, e ricevere la modulistica necessaria.

“Il Servizio civile alla Caritas – fa osservare – è un anno di grande valore formativo ed educativo, nel quale valorizzare le proprie risorse e capacità, crescere professionalmente e umanamente a fianco degli operatori a servizio della comunità. È infatti previsto un percorso formativo diocesano e regionale di gruppo di 118 ore e al termine viene assegnato un riconoscimento sia del tutoraggio dell’attività svolta sia di crediti formativi”.

“L’attività viene svolta presso il Centro di Ascolto diocesano, dove i giovani – spiega la Vailati – dovranno misurarsi sul fronte delle relazioni: dalla presa in carico della persona in difficoltà economica, cultuale, sociale, sanitaria… che si rivolge alla nostra struttura in viale Europa 2, alla rilevazione dei bisogni, cercando poi di individuare, ovviamente affiancati dall’équipe Caritas, le risposte più adeguate”.

“Dallo scorso gennaio ho intrapreso il percorso del Servizio civile in Caritas a Crema e in questi mesi – attesta Chiara – ho avuto modo di sentirmi gratificata, creare relazioni di amicizia e spesso anche di confronto con altre persone. Posso dire di esser fiera di aver preso questa decisione e di far parte di questo gruppo che ogni giorno si mette a disposizione del prossimo fornendo risposte ai bisogni di persone in difficoltà, programmando un percorso che possa portarle verso una maggiore autonomia”.

Nell’evidenziare che l’anno offre la possibilità di “vivere all’interno della Caritas, condividendo con i responsabili, gli operatori e i volontari l’esperienza nell’ente, che può anche diventare una scelta di vita”, la referente Paola Vailati puntualizza che il progetto di Servizio civile ha quest’anno come titolo Liberi di partecipare: a significare che la possibilità di “mettersi in gioco e sperimentare in un contesto che nella società odierna è chiave, con la certezza che, come recita lo slogan della campagna regionale, I frutti superano sempre le promesse dei fiori”.