CONVEGNO PASTORALE: Le proposte concrete per una Chiesa del futuro

Seconda tappa, questa mattina, al San Luigi, del Convegno Diocesano PER UNA CHIESA IN CAMMINO. Una settantina di sacerdoti e laici si sono trovati per riflettere, divisi in cinque gruppi, in vista di proporre concrete scelte per la Chiesa cremasca del domani.

All’inizio, dopo la preghiera, il vescovo Daniele ha introdotto i lavori con una riflessione sul brano della lettera agli Efesini proposto dalla liturgia nella festa di san Matteo (che ricorre appunto oggi). “Le esortazioni dell’apostolo – da detto – vanno in due direzioni: la comunione che ha radici fortemente teologiche, ma che passa anche attraverso comportamenti molto concreti. La comunione si riceve che dono di Dio, ma si costruisce nella pazienza della vita quotidiana. Da qui possiamo cominciare per rinnovare le nostre comunità. La seconda sollecitazione riguarda la varietà dei doni dello Spirito che arricchiscono la comunità. I doni sono finalizzati ad aiutare i fratelli a compiere il ministero allo scopo di edificare il corpo di Cristo che è la Chiesa. Dobbiamo ancora raggiungere la misura della pienezza di Cristo: noi oggi lavoriamo per fare passi avanti in questo senso.”

I gruppi si sono divisi per lavorare su una scaletta uguale per tutti. Innanzitutto ci si è proiettati nel 2024 per “sognare” la Chiesa di Crema di quei giorni e per individuare alcuni “incubi” che potrebbero turbarci. Il tutto messo per iscritto da ciascun partecipante e poi discusso insieme.

Nella seconda parte della mattinata si è tornati al presente per suggerire concrete modalità per raggiungere i sogni espressi e tamponare gli incubi. I contributi sono stati scritti su post-it e incollati su cartelloni all’interno di quattro grandi aree che riguardano il nuovo volto della comunità del futuro: la liturgia e la centralità della Parola di Dio; la sinodalità; i doni e i ministeri; alcune attenzioni prioritarie (la trasmissione della fede alle nuove generazioni; la pastorale delle famiglie; la testimonianza della carità; la formazione cristiana degli adulti).

I cartelloni con le numerose proposte concrete emerse dai gruppi saranno esposti in cattedrale mercoledì sera 25 settembre quando il vescovo Daniele celebrerà la Messa di apertura dell’anno pastorale, con il conferimento del mandato agli operatori pastorali.

Le proposte verranno poi raccolte, vagliate dal Vescovo e dalla commissione del Convegno e inserite nel cammino della nostra diocesi.

Un gruppo di lavoro