Contrasto al fenomeno delle “stragi del sabato sera”

Contrastare il fenomeno delle “stragi del sabato sera”. È l’impegno della Compagnia dei Carabinieri di Crema, sempre attiva per evitare le morti sulla strada soprattutto nel fine settimana.

Purtroppo il fenomeno delle “stragi del sabato sera” è ritornato recentemente alla ribalta non solo a livello nazionale ma anche locale. Anche nel territorio cremasco si sono registrati diversi incidenti stradali causati da giovani ubriachi che hanno causato anche vittime innocenti.

Al fine di contrastarlo efficacemente, nei giorni scorsi sono stati predisposti sui 48 Comuni cremaschi da parte delle pattuglie delle stazioni dei carabinieri, dei servizi di controllo stradale lungo le principali arterie, nonché nei pressi di alcuni locali frequentati dai giovani, ove talvolta vengono somministrate, da esercenti poco responsabili, sostanze alcoliche in quantità eccessiva tali da preordinare condotte pericolose di guida che, a causa dello stato di ebbrezza, fanno sì che i veicoli vengano condotti a velocità eccessive, spesso azzardando manovre molto pericolose che portano ad acuire l’incidentalità stradale.

Ed i primi risultati sono molto positivi. La stazione di Camisano Cremasco infatti ha proceduto al controllo di diversi giovani che al termine di una serata in un locale di tendenza del posto procedevano verso casa e tra questi due sono stati deferiti in stato di libertà per guida sotto l’effetto di sostanze alcoliche  con un tasso ben oltre il limite.

Nello stesso tempo i carabinieri della stazione di Montodine hanno deferito un locale esercente straniero per aver somministrato bevande alcoliche ad un minore, che era finito al pronto soccorso dell’ospedale di Crema in coma etilico.

Nei prossimi giorni verranno eseguiti altri controlli al fine di contenere il fenomeno ed evitare che si possano verificare altri sinistri stradali con feriti, a causa dell’abuso di sostanze alcoliche.

Le forze dell’ordine invitano agli esercenti a un maggior senso di responsabilità evitando di somministrare sostanze alcoliche a minori o comunque in maniera smodata a persone che poi mettono a rischio la propria e l’altrui vita con una guida pericolosa.