Morta suor Stefania Carioni, di Izano, per anni missionaria in Cameroun

Suor Stefania Carioni negli anni di missione in Cameroun

È morta oggi, venerdì 26 luglio, circondata dai suoi cari, suor Stefania Carioni, missionaria cremasca originaria della parrocchia di Izano. Era nata il 7 gennaio 1939. È spirata a Monza, presso la Casa della sua congregazione – le Missionarie dell’Immacolata (Pime) – dove si trovava da diversi anni per motivi di salute.

Per anni suor Stefania ha prestato la sua opera in Cameroun, che ha raggiunto nel 1975. La sua prima missione è stata ad Ambam, in piena foresta, dove mancava praticamente tutto. Suor Stefania lavorava nel dispensario, insegnando educazione sanitaria e visitando i bambini nella scuole per trasmettere loro le principali regole d’igiene. Allo stesso tempo insegnava il Catechismo e a pregare.

Dopo un periodo in Italia per curarsi dalle malattie, è tornata in Cameroun passando in diverse missioni: Melan, Sangmelina, ancora Ambam e, infine, Yaoundè, la capitale. Lasciato il settore sanitario, ha lavorato a tempo pieno in parrocchia. Ha seminato tanto bene, alleviando le sofferenze di molti e condividendo gioie e dolori degli africani, dai quali ha sempre detto d’aver ricevuto molto di più di quello che ha dato. Per lei, sempre, il sostegno dei cremaschi: dal Gruppo per il Ciad di Crema al Gruppo Missionario della “sua” Izano, che ha sempre organizzato iniziative per la sua missione.

La salute precaria l’ha costretta al rientro in Italia. Suor Stefania ha trascorso gli ultimi anni nella Casa delle Missionarie dell’Immacolata a Monza, dove è spirata serenamente circondata dalle consorelle e dai familiari.

Il funerale sarà celebrato sabato 27 luglio, alle ore 15.30, a Monza presso l’Istituto delle Missionarie dell’Immacolata, dove la salma sarà tumulata come da volontà di suor Stefania.

La ricordiamo con affetto e profonda gratitudine per la sua testimonianza missionaria e di vita, mentre la affidiamo al Padre.