Crema – Lite in famiglia degenera, un ferito e un denunciato

Fratelli Coltelli; è letteralmente il caso di dirlo parlando di una lite in famiglia che si è conclusa con un accoltellamento e una denuncia.

“Nella serata fra domenica e lunedì, nel centro di Crema – spiega il vicequestore Daniel Segre – è stato richiesto l’intervento di una pattuglia della Polizia per una lite domestica particolarmente accesa. Gli agenti, una volta raggiunta l’abitazione, hanno trovato diverse persone sul pianerottolo, una della quali si stava allontanando frettolosamente. Identificate le parti, i poliziotti hanno appreso che poco prima due fratelli avevano iniziato a litigare per futili motivi, richiamando l’attenzione di un vicino di casa che, vedendo i due che si stavano azzuffando, è intervenuto per dividerli”.

Durante il sopralluogo e l’audizione dei testimoni gli agenti notavano però macchie fresche di sangue sul pavimento. Ricostruito l’accaduto hanno potuto appurare che “nel corso della lite il figlio di uno dei due contendenti, particolarmente agitato, si era recato in cucina e dopo aver prelevato un coltello da cucina si era scagliato contro lo zio, colpendo di striscio ad un braccio il vicino di casa che si era interposto fra i due contendenti”.
Il ferito è corso in ospedale per farsi medicare (prognosi di guarigione 30 giorni, ndr). Raggiunto al nosocomio dagli agenti ha confermato la dinamica ricostruita dai poliziotti con l’ausilio delle testimonianze raccolte.”Il giovane aggressore un senegalese ventenne regolarmente soggiornante che nel frattempo si era allontanato dal luogo della lite, è stato in seguito rintracciato dagli investigatori del settore anticrimine e denunciato per lesioni aggravate”.