Mercatone Uno Madignano – ‘Sit in’ davanti al negozio chiuso

Primo impegno pubblico su un tema tutt’altro che piacevole per il neoeletto sindaco di Madignano Elena Festari. Questa mattina il primo cittadino ha voluto presenziare al ‘sit in’ che i 35 dipendenti del Mercatone Uno hanno organizzato, col supporto delle sigle sindacali, davanti ai cancelli chiusi di quello che sino a sabato è stato il loro posto di lavoro. Insieme a loro, per far sentire la vicinanza della politica, i rappresentanti a diversi livelli del territorio. Dal ministero sono giunte notizie legate alla possibilità di attivare gli ammortizzatori sociali (cassa integrazione) per tutti i 1.800 dipendenti della Holding Shernon che aveva rilevato i 55 punti vendita di Mercatone Uno in Italia lo scorso agosto. Ma questo, ovviamente non basta. Chi è rimasto senza occupazione è preoccupato per il proprio futuro. Sono coinvolte decine di famiglie solamente nel territorio Cremasco. Il Governo ha assicurato un grande lavoro sinergico e di concertazione con la politica regionale e locale, con le parti sociali e con il mondo produttivo. L’obiettivo è garantire un’alternativa a tutti, nel caso la storia di Mercatone Uno sia realmente finita; non sarà certamente una strada facile da perseguire.