40° ANNI DEL C.R.E: “Shall we dance?” fa il tutto esaurito già nella prevendita dei biglietti. La manifestazione di domenica, invece, rinviata per maltempo

C.R.E
Tutto sold out già nella fase della prevendita dei biglietti per lo spettacolo “Shall we dance?” in programma sabato sera al Teatro San Domenico per festeggiare il 40° anniversario della fondazione del Centro di Riabilitazione Equestre. Come affermato dal presidente Alessandro Zambelli durante la conferenza stampa di ierì pomeriggio presso la sede del Centro, rimangono a disposizione solamente una ventina circa di biglietti “per avere un minimo agio”. Una risposta stupenda per un appuntamento che sicuramente non deluderà le attese.
A una bella notizia, purtroppo, ne è seguita una spiacevole: a causa del maltempo la manifestazione di domenica 19 è rinviata a domenica 9 giugno quando, tutti se lo augurano, la bella stagione sarà finalmente iniziata. Una decisione che gli organizzatori hanno dovuto prendere a malincuore, ma inevitabile dato che era previsto l’intero svolgimento con saggio ludico, giochi e spettacoli all’aperto.Della serata di sabato, invece, l’avvocato Debora Tundo, che per l’occasione sarà voce e contrabasso, ha affermato: “Con Shall we dance? sarà proposto al pubblico un breve excursus del rapporto tra musica e cinema. Saranno così rievocati momenti indimenticabili del mondo cinematografico internazionale”. Sarà accompagnata al pianoforte dal Maestro Alessandro Lupo Pasini  e insieme eseguiranno colonne sonore di pellicole più o meno recenti, per esempio Shallow di A star is born (2018) o Shindler’s List. “Sarà un concerto coreografico dove la musica si intreccia con le immagine, permette così di parlare direttamente al cuore e all’anima in modo inequivocabile” assicura il Maestro.

Articolo completo su Il Nuovo Torrazzo in edicola sabato 18 maggio