Crema – Ordigno bellico rinvenuto sulle sponde del Serio e fatto brillare

Passeggia in riva al Serio e trova una bomba. È accaduto domenica intorno alle 16 quando una donna residente in città ha chiamatoi Carabinieri chiedendo intervento in via Carmelitani, sulla sponda destra del fiume. “Sul posto – spiega il maggiore dell’Arma Giancarlo Carraro – si portava immediatamente una pattuglia dell’Aliquota Radiomobile, nonché il comandante della stazione di Crema, maresciallo Carlo Selvaggi. In un’ansa del fiume si era formata una piccola spiaggia di sassi su cui era adagiata una bomba a mano tipo ananas arrugginita priva di ‘accenditoio’ e quindi già innescata, trasportata a riva probabilmente dalle intense piogge che l’avevano spostata e fatta riemergere dal greto del fiume”.

In un lampo è stata allertata la Prefettura di Cremona quindi gli artificieri del Comando Provinciale dell’Arma di Milano. Al contempo è stata transennata la zona sino alle 8 del giorno successivo per evitare che qualcuno potesse avvicinarsi e finire in una situazione pericolosa. Gli artificieri, constatata la pericolosità dell’ordigno risalente alla Seconda Guerra Mondiale, e valutando come non vi fossero pericoli per alcuno, hanno fatto brillare la bomba sul posto, bonificando l’area di interesse.

“Nel segnalare che simili ritrovamenti non sono affatto sporadici, ma già occorsi anche in passato – conclude Carraro – si rammenta che, in caso di rinvenimento, non bisogna assolutamente farsi prendere dalla curiosità di voler toccare/spostare l’ordigno, segnalandone immediatamente al 112 la presenza, al fine di evitare che possa deflagrare con gravi conseguenze fisiche, consentendo così agli artificieri di poter intervenire efficacemente, rimettendo l’area in sicurezza”.