Soncino – Imprenditore rapinato dell’auto da due finti Carabinieri

Pistola in faccia viene rapinato della sua fiammante Bmw X6. Sono gli attimi di terrore vissuti nel tardo pomeriggio di martedì da un imprenditore bresciano di 49anni nei pressi di Villacampagna, frazione di Soncino.

L’artigiano di Montichiari si stava avviando da un cliente quando, lungo la strada per la località soncinese, è stato avvicinato da una vettura bianca con lampeggiante sul tetto. Il bresciano si è quindi fermato a lato della strada venendo avvicinato da due individui scesi dalla jeep e qualificatisi come Carabinieri dell’antimafia. I due hanno chiesto all’uomo di scendere dalla sua auto e di salire sul loro mezzo, cosa che ha insospettito il 49enne che è risalito sulla sua vettura dicendo che li avrebbe seguiti. A quel punto i due finti carabinieri hanno estratto le pistole e uno dei due ha esploso un colpo a salve che ha gelato il sangue del bresciano. La vittima di quella che stava assumendo tutti i connotati di una rapina, non ha potuto fare altro che scendere dal mezzo, sul quale sono balzati i due malavitosi fuggiti con la sua auto e allontanatisi anche con la vettura con la quale erano arrivati.

Al terrorizzato imprenditore non è rimasto che raggiungere il paese e lanciare l’Sos da un bar: sull’auto era infatti rimasto tutto, soldi, patente, documenti, anche il telefono. Nonostante avesse annotato la targa della jeep, purtroppo la cosa pare sia servita a poco: quella targa è risultata clonata o contraffatta. I Carabinieri hanno comunque avviato puntuali indagini.